Contenuto sponsorizzato

Passo Rolle, un altro sabotaggio. Zortea: ''Per tranciare i cavi usata una mola a disco''

Le indagini portate avanti dai carabinieri hanno permesso di individuare un secondo tentativo di sabotaggio e questa volta sarebbe stata coinvolta la seggiovia Paradiso

Di Giuseppe Fin - 03 dicembre 2018 - 13:51

CAVALESE. Il danno causato alla seggiovia Ferrari sul passo Rolle non è l'unico provocato nei giorni scorsi. Le indagini portate avanti dai carabinieri e le verifiche eseguite dai tecnici hanno confermato che è avvenuto un secondo attentato questa volta a danno della seggiovia Paradiso.

 

Si tratta, in questo caso, di un tentativo visto che il taglio del cavo non è avvenuto ma sono presenti dei segni che dimostrano la volontà di qualcuno di danneggiarlo. La Paradiso, al momento, è una seggiovia chiusa e non sarebbe stata avviata nemmeno sabato prossimo.

 

I carabinieri stanno verificando diversi ipotesi e raccogliendo gli elementi necessari per riuscire ad individuare l'autore o gli autori del gesto. Intanto, proprio in queste ore, sono stati avviati i lavori per lo smontaggio dei seggiolini della Ferrari per poi riuscire a sostituire in tempi brevi la fune danneggiata.

 

“Stiamo lavorando a pieno ritmo – ha spiegato il presidente Giacobbe Zortea – per cercare di arrivare a far ripartire l'impianto. Abbiamo due alternative: sostituire l'intera fune oppure sostituirne una parte, quella danneggiata. Gli ingegneri stanno correndo come dei fulmini e si stanno interfacciando con la Provincia per capire se è possibile cambiare solo un trefolo”.

 

Capire se cambiare un'intera fune oppure solo un trefolo, ovviamente, cambia sia i tempi che il costo dell'intervento. “Nella peggiore delle ipotesi – spiega Zortea – costerebbe sui centomila euro avere una fune di circa 2 chilometri. Ma accanto a questo c'è il costo del lavoro e dei tanti operai impegnati”.

 

Sul danno causato alla Ferrari, l'ipotesi che si fa strada è quella che sia stata una “mano esperta”. A confermarlo è lo stesso presidente della società: “sono stati usati strumenti che non tutti hanno a casa – spiega - una mola a disco a batteria non è così comune. Quindi avere l'attrezzatura, saperla usare e sapere che tagliare un trefolo non mette a rischio la tua persona e nemmeno la gente che sale ma blocca l'impianto non è da tutti”.

 

Al momento non ci sono ipotesi sugli autori del gesto. “I carabinieri stanno indagando – conclude Giacobbe Zortea – e si stanno anche valutando i rapporti che aveva la vecchia proprietà. Noi non abbiamo mai avuto problemi, ma i danni potrebbero essere stati fatti da chi aveva delle vecchie ruggini con la vecchia società. Anche perché noi abbiamo riconfermato i dipendenti e non abbiamo altri problemi. Abbiamo investito sull'acquisizione della Sitr Rolle e abbiamo progetti importanti per questa zona”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato