Contenuto sponsorizzato

Paul Köllensperger molla i 5 stelle: ''Non voglio fare lo zerbino dell'Svp. Modello replicabile in Trentino? Dinamiche diverse''

Il consigliere provinciale Paul Köllensperger scende in campo anche alle prossime elezioni provinciali di ottobre, ma non tra le fila del Movimento 5 stelle, sarà alla guida della sua lista: "M5s parte importante del mio percorso, il dialogo sarà sempre aperto per incidere ancora di più"

Di Luca Andreazza - 17 luglio 2018 - 06:02

BOLZANO. "Non posso permettermi altri cinque anni seduto tra i banchi del consiglio a guardare la Svp governare senza opposizione. Quella che dovrebbe essere una minoranza assume il ruolo di maggioranza e non è mia intenzione fare lo zerbino, come il Pd", questa tra le motivazioni che hanno portato Paul Köllensperger a scendere in campo con una propria forza politica.

 

Ormai l'ex Movimento 5 stelle in Alto Adige ha presentato a inizio mese il proprio partito, che correrà alle elezioni di ottobre. "Alcuni mi ritengono un traditore - dice Köllensperger - ma mi sono assunto un rischio. Non avrei avuto rivali tra i pentastellati, avrei potuto farmi eleggere e poi sfilarmi, invece mi sono preso le mie responsabilità per giocare a carte scoperte fin da subito".

 

Anzi, questa mossa potrebbe giovare proprio ai pentastellati. "Non posso che parlare bene del Movimento - prosegue il consigliere -  una parte importante della mia vita politica. Le regole, alcune volte molto rigide, comportano vantaggi e svantaggi, ma in Alto Adige è una situazione particolare. E' necessario compiere un passo verso l'elettorato di lingua tedesca, ma nonostante tanti discorsi, l'M5s non è interessato".

 

La legge è proporzionale pura, senza premio di maggioranza. "Dobbiamo togliere qualche seggio alla maggioranza - aggiunge Köllensperger -. Penso che il Movimento possa esprimere due consiglieri. Naturalmente il mio team è disponibile a mantenere un dialogo perché i valori restano simili, mentre la Svp sarà costretta a cercare dei consiglieri di lingua italiana per chiudere il cerchio e quindi si può pensare al contratto di governo".

 

Le radici del Movimento 5 stelle per un Team Paul Köllensperger senza vincoli che possano ostacolare i lavori in consiglio. "E' un ulteriore passo in avanti - evidenzia il consigliere - anche nella scelta di temi e candidati. Vogliamo essere sinonimo di bene comune, invece che di interessi particolari. Lavorare senza il tornaconto della poltrone. Ragionare per alternative e non per tattica".

 

E i candidati? "Sono aperto. Cerco - spiega l'ex 5 stelle - persone intelligenti e oneste che abbiano voglia di spendersi per il bene dell'Alto Adige. Indipendenza, imparzialità e buon senso sono le basi del team. Guardo molto ai civici che ricordano il Movimento degli albori tra condivisione, partecipazione e istanze dal basso. Questa la nostra azione politica".    

 

Questa nuova proposta nel panorama politico può essere esportata e replicata anche in Trentino? "Non saprei - conclude Köllensperger - non mi sono mai immischiato nella realtà trentina. Ci sono dinamiche troppo diverse e l'Alto Adige è un caso unico in Italia".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
26 settembre - 19:53

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato ospite questo pomeriggio del Festival dell'economia. Intervistato dalla giornalista Tonia Mastrobuoni assieme a Tito Boeri. Sulla vicenda Tridico ha affermato: ''Ho chiesto approfondimenti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato