Contenuto sponsorizzato

Paul Köllensperger molla i 5 stelle: ''Non voglio fare lo zerbino dell'Svp. Modello replicabile in Trentino? Dinamiche diverse''

Il consigliere provinciale Paul Köllensperger scende in campo anche alle prossime elezioni provinciali di ottobre, ma non tra le fila del Movimento 5 stelle, sarà alla guida della sua lista: "M5s parte importante del mio percorso, il dialogo sarà sempre aperto per incidere ancora di più"

Di Luca Andreazza - 17 luglio 2018 - 06:02

BOLZANO. "Non posso permettermi altri cinque anni seduto tra i banchi del consiglio a guardare la Svp governare senza opposizione. Quella che dovrebbe essere una minoranza assume il ruolo di maggioranza e non è mia intenzione fare lo zerbino, come il Pd", questa tra le motivazioni che hanno portato Paul Köllensperger a scendere in campo con una propria forza politica.

 

Ormai l'ex Movimento 5 stelle in Alto Adige ha presentato a inizio mese il proprio partito, che correrà alle elezioni di ottobre. "Alcuni mi ritengono un traditore - dice Köllensperger - ma mi sono assunto un rischio. Non avrei avuto rivali tra i pentastellati, avrei potuto farmi eleggere e poi sfilarmi, invece mi sono preso le mie responsabilità per giocare a carte scoperte fin da subito".

 

Anzi, questa mossa potrebbe giovare proprio ai pentastellati. "Non posso che parlare bene del Movimento - prosegue il consigliere -  una parte importante della mia vita politica. Le regole, alcune volte molto rigide, comportano vantaggi e svantaggi, ma in Alto Adige è una situazione particolare. E' necessario compiere un passo verso l'elettorato di lingua tedesca, ma nonostante tanti discorsi, l'M5s non è interessato".

 

La legge è proporzionale pura, senza premio di maggioranza. "Dobbiamo togliere qualche seggio alla maggioranza - aggiunge Köllensperger -. Penso che il Movimento possa esprimere due consiglieri. Naturalmente il mio team è disponibile a mantenere un dialogo perché i valori restano simili, mentre la Svp sarà costretta a cercare dei consiglieri di lingua italiana per chiudere il cerchio e quindi si può pensare al contratto di governo".

 

Le radici del Movimento 5 stelle per un Team Paul Köllensperger senza vincoli che possano ostacolare i lavori in consiglio. "E' un ulteriore passo in avanti - evidenzia il consigliere - anche nella scelta di temi e candidati. Vogliamo essere sinonimo di bene comune, invece che di interessi particolari. Lavorare senza il tornaconto della poltrone. Ragionare per alternative e non per tattica".

 

E i candidati? "Sono aperto. Cerco - spiega l'ex 5 stelle - persone intelligenti e oneste che abbiano voglia di spendersi per il bene dell'Alto Adige. Indipendenza, imparzialità e buon senso sono le basi del team. Guardo molto ai civici che ricordano il Movimento degli albori tra condivisione, partecipazione e istanze dal basso. Questa la nostra azione politica".    

 

Questa nuova proposta nel panorama politico può essere esportata e replicata anche in Trentino? "Non saprei - conclude Köllensperger - non mi sono mai immischiato nella realtà trentina. Ci sono dinamiche troppo diverse e l'Alto Adige è un caso unico in Italia".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato