Contenuto sponsorizzato

Paura a Trento nella notte, va a fuoco un materasso e alcune persone restano intossicate

Le fiamme sarebbero divampate da una sigaretta lasciata accesa. Il palazzo è stato evacuato e bonificato, mentre l'anziana residente nell'appartamento da cui ha avuto origine il rogo ha già fatto ritorno a casa

Di Alessandro Betti e Martin Fedrizzi (Liceo Prati) - 20 giugno 2018 - 11:01

TRENTO. Alcuni intossicati e tanta paura questa notte a Trento. Un incendio è divampato in un appartamento al terzo piano del complesso Itea di Via Pascoli nella zona adiacente l'Eurobrico. L'anziana padrona di casa si sarebbe addormentata lasciando accesa una sigaretta, dalla quale avrebbero avuto origine le fiamme e a prendere fuoco inizialmente sarebbe stato un materasso.

 

 

Il forte odore di bruciato che ha investito anche le abitazioni circostanti ha messo in allarme i vicini che hanno allertato i vigili del fuoco permanenti. Nell'incendio sono rimasti coinvolti alcuni residenti, che sono stati portati all'ospedale Santa Chiara per via di un principio di intossicazione. 

 

"Erano le 2.30 quando i vigili del fuoco - dice Nadia Pisetta, referente del complesso - ci hanno svegliati per allertarci. All'inizio l'ipotesi era quella che all'origine del rogo ci fosse un guasto all'impianto caldaia, ma quando la signora ha aperto la porta di casa ed è fuoriuscito il fumo è risultato subito chiaro da dove fosse partito l'incendio".

 

 

I vigili del fuoco permanenti sono intervenuti tempestivamente evacuando e bonificando il palazzo. Le conseguenze sarebbero potute essere più gravi, ma fortunatamente le fiamme non hanno avvolto l'intero edificio. Tutto ciò che resta questa mattina sono i resti del materasso andato a fuoco e un forte odore. L'anziana ha fatto ritorno nel suo appartamento dopo aver lasciato l'ospedale già questa mattina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato