Contenuto sponsorizzato

Paura sul Garda per una persona scomparsa in acqua ma era un falso allarme

Dopo ore di ricerche nella zona tra Riva e Torbole l'emergenza è rientrata. Si inseguivano le voci di un surfista scomparso e di un giovane non riemerso dopo un tuffo alla Madonnina

Pubblicato il - 11 luglio 2018 - 20:12

RIVA DEL GARDA. L'allarme è partito intorno alle 17.40 anche se da subito non era chiaro cosa fosse accaduto. Si parlava di un surfista disperso tra le acque dell'Alto Garda, non più rientrato dal luogo di partenza. Altri hanno ipotizzato si fosse trattato di un giovane che si era tuffato dalla Madonnina tra Riva e Torbole: un luogo famoso per tuffi pericolosi, posto a bordo strada e alto circa 6 metri.

 

 

La voce che girava era che tre ragazzi si fossero tuffati proprio dalla Madonnina ma solo due giovani fossero riemersi. Ebbene in pochi minuti è partito anche il nucleo sommozzatori da Trento con l'elisoccorso e da Riva si è mossa l'intera squadra nautica con gommone, moto d'acqua e una decina di vigili del fuoco operativi tra assistenza elicottero, ricerca in acque e ricerca nella zona della Madonnina.

 

 

I soccorritori hanno cominciato a scandagliare le acque del lago tra lo stupore e lo spavento della gente che assisteva alle ricerche da bordo lago. Fortunatamente, però, si è trattato di un falso allarme. La polizia ha accertato che nessuna persona era dispersa e l'emergenza è rientrata.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato