Contenuto sponsorizzato

Rapina alla lavanderia Loner, una dipendente minacciata da due persone

E' successo in viale Verona a Trento ieri sera attorno alle 19. Sono state avviate le indagini da parte delle forze dell'ordine 

Pubblicato il - 05 dicembre 2018 - 15:34

TRENTO. Paura ieri sera alla lavanderia Loner in viale Verona dove attorno alle 19.30, in orario di chiusura, due persone sono entrate a volto scoperto per una rapina. In modo rapido uno di loro ha spinto la dipendente, che stava chiudendo la porta,  dietro al bancone per poi farsi consegnare i soldi

 

L'altro malvivente, invece, secondo il raccolto della donna minacciata, era rimasto a tenere aperta la porta e a controllare che non arrivasse nessuno. I due rapinatori, una volta preso i soldi, sono fuggiti.

 

A sparire, secondo i primi rilievi, sarebbe stato l'incasso di una giornata per circa 900 euro.

 

Le forze dell'ordine si sono portate subito sul posto e dopo aver raccolto la testimonianza della commessa hanno avviato le indagini. Al vaglio anche le immagini delle telecamere di sorveglianza.

 

"Quello che è successo - ha spiegato Marco Santini, titolare dell'attività e consigliere comunale - è grave e per fortuna la dipendente non è stata ferita. E' arrivato il momento per i cittadini di organizzarsi in gruppi per tenersi informati l'uno con l'altro su quello che succede della zona dove si abita o si ha la propria attività. In questo modo si riescono anche a fornire segnalazioni dettagliate e coordinate alle forze dell'ordine"

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 agosto - 06:01

Il fil rouge di questa vicenda è un giovane che alle sue diverse fidanzate, nel tempo, riserva lo stesso trattamento fatto di botte, insulti pesantissimi e disagi che, in molti casi, si sono trasformati in denunce e ammonimenti. Dopo che sono arrivati gli arresti domiciliari ora per il ragazzo ci sarà il processo e anche sul suo futuro genitoriale la parola passa alla magistratura 

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato