Contenuto sponsorizzato

Riapre la Ponale il 23 marzo, in fase di completamento i lavori di messa in sicurezza

Sono stati eseguiti gli interventi di messa in sicurezza del sentiero: le vecchie barriere sono state svuotate e cambiate le reti e gli ancoraggi

Di gf - 13 febbraio 2018 - 19:59

RIVA DEL GARDA. Gli ultimi interventi si completeranno a gennaio del prossimo anno ma, intanto, il sentiero Ponale riaprirà i battenti il prossimo 23 marzo. Il sentiero era stato chiuso negli ultimi mesi dello scorso anno per eseguire delle opere di messa in sicurezza.

 

Ad ufficializzare l''apertura il prossimo mese è stato il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer a seguito della riunione sullo stato dei lavori del «Sistema Ponale - sentiero alpino percorribile anche da mountain bike» svoltasi presso la sede della Comunità.

 

«Rispetteremo come da programma l’impegno di aprire il sentiero Ponale per il prossimo 23 marzo - ha spiegato il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer - . I lavori successivamente proseguiranno con dei micro-cantieri durante la stagione estiva, senza chiudere il sentiero, per poi concludersi tra il novembre 2018 gennaio 2019 con la conclusione dei lavori e la sistemazione definitiva. Siamo in linea con il programma che ci erano prefissati, è stato fatto un lavoro straordinario e incredibile. A breve verrà inoltre consegnata la nuova segnaletica che abbiamo messo a punto con l’avvocato Massimo Viola di Trento, mentre i ragazzi della LABA di Torbole si sono occupati del progetto dei tre portali d’ingresso e della cartografia».

I tecnici provinciali e della Comunità Alto Garda e Ledro hanno illustrato nel dettaglio lo stato del cantiere: «Abbiamo ultimato i lavori di manutenzione di tutti i dispositivi e rimessa in funziona delle vecchie barriere posate dall’Anas nel corso dei decenni - ha spiegato l’ingegnere Ruggero Cazzolli -.Lavori che, per quanto riguarda il lotto 1 e che arrivano fino al bar della Ponale, sono stati ultimati. Gli interventi del 2° lotto, riguardanti il tratto che dal Ponale va fino al tunnel Agnese da una parte e dal bar Ponale fino al tunnel Pregasina dall’altra, sono stati appaltati e termineranno entro il 20 marzo. La tipologia dei lavori sarà sostanzialmente analoga: le vecchie barriere verranno svuotate e verranno cambiate le rete e gli ancoraggi».

 

La seconda parte dell’intervento sulla Ponale, realizzata dal Servizio per il sostegno occupazione e valorizzazione ambientale della Pat prevede la sistemazione del sentiero, la posa della nuova segnaletica e sottoservizi e parapetti idonei alle caratteristiche di «Sentiero alpino percorribile anche da Mountain Bike». In una prima fase si stanno realizzando i sottesorvizi, luce, impianto d’irrigazione e acqua. Successivamente ci sarà la sistemazione delle sezioni per i pedoni e dei ciclisti che, dove la larghezza lo permette, saranno separate.

 

Durante i prossimi mesi estivi i lavori proseguiranno con dei micro cantieri che permetteranno di tenere aperto il serntiero.

 

L’importo complessivo degli interventi che si concluderanno a gennaio 2019 è di 1 milione 382 mila euro più circa 94 mila euro a disposizione per un totale di 1 milione 477 mila euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

15 novembre - 08:13

La vicenda kafkiana di Andrea Zanettini, carabiniere in congedo, che dopo un grave infortunio alla schiena ha deciso di curarsi con la cannabis ma per questo gli è stata ritirata la patente. L’uomo si trova intrappolato da 3 anni in un labirinto fatto di burocrazia e stigma sociale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato