Contenuto sponsorizzato

Riapre la Ponale il 23 marzo, in fase di completamento i lavori di messa in sicurezza

Sono stati eseguiti gli interventi di messa in sicurezza del sentiero: le vecchie barriere sono state svuotate e cambiate le reti e gli ancoraggi

Di gf - 13 febbraio 2018 - 19:59

RIVA DEL GARDA. Gli ultimi interventi si completeranno a gennaio del prossimo anno ma, intanto, il sentiero Ponale riaprirà i battenti il prossimo 23 marzo. Il sentiero era stato chiuso negli ultimi mesi dello scorso anno per eseguire delle opere di messa in sicurezza.

 

Ad ufficializzare l''apertura il prossimo mese è stato il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer a seguito della riunione sullo stato dei lavori del «Sistema Ponale - sentiero alpino percorribile anche da mountain bike» svoltasi presso la sede della Comunità.

 

«Rispetteremo come da programma l’impegno di aprire il sentiero Ponale per il prossimo 23 marzo - ha spiegato il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer - . I lavori successivamente proseguiranno con dei micro-cantieri durante la stagione estiva, senza chiudere il sentiero, per poi concludersi tra il novembre 2018 gennaio 2019 con la conclusione dei lavori e la sistemazione definitiva. Siamo in linea con il programma che ci erano prefissati, è stato fatto un lavoro straordinario e incredibile. A breve verrà inoltre consegnata la nuova segnaletica che abbiamo messo a punto con l’avvocato Massimo Viola di Trento, mentre i ragazzi della LABA di Torbole si sono occupati del progetto dei tre portali d’ingresso e della cartografia».

I tecnici provinciali e della Comunità Alto Garda e Ledro hanno illustrato nel dettaglio lo stato del cantiere: «Abbiamo ultimato i lavori di manutenzione di tutti i dispositivi e rimessa in funziona delle vecchie barriere posate dall’Anas nel corso dei decenni - ha spiegato l’ingegnere Ruggero Cazzolli -.Lavori che, per quanto riguarda il lotto 1 e che arrivano fino al bar della Ponale, sono stati ultimati. Gli interventi del 2° lotto, riguardanti il tratto che dal Ponale va fino al tunnel Agnese da una parte e dal bar Ponale fino al tunnel Pregasina dall’altra, sono stati appaltati e termineranno entro il 20 marzo. La tipologia dei lavori sarà sostanzialmente analoga: le vecchie barriere verranno svuotate e verranno cambiate le rete e gli ancoraggi».

 

La seconda parte dell’intervento sulla Ponale, realizzata dal Servizio per il sostegno occupazione e valorizzazione ambientale della Pat prevede la sistemazione del sentiero, la posa della nuova segnaletica e sottoservizi e parapetti idonei alle caratteristiche di «Sentiero alpino percorribile anche da Mountain Bike». In una prima fase si stanno realizzando i sottesorvizi, luce, impianto d’irrigazione e acqua. Successivamente ci sarà la sistemazione delle sezioni per i pedoni e dei ciclisti che, dove la larghezza lo permette, saranno separate.

 

Durante i prossimi mesi estivi i lavori proseguiranno con dei micro cantieri che permetteranno di tenere aperto il serntiero.

 

L’importo complessivo degli interventi che si concluderanno a gennaio 2019 è di 1 milione 382 mila euro più circa 94 mila euro a disposizione per un totale di 1 milione 477 mila euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

16 luglio - 18:08

Buona la prima per il 30enne Edoardo Fumagalli e per la sua nuovissima brigata: tutti giovani, alcuni già con esperienze internazionali. Matteo Lunelli: "Scelto per bravura, per la sua carica giovanile, per la sua voglia di confrontarsi col mondo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato