Contenuto sponsorizzato

Riva del Garda, marciapiedi da incubo, una donna finisce in ospedale

La denuncia di alcuni cittadini che già sono rimasti vittime di cadute. Una signora è caduta sabato rimediando 5 giorni di prognosi

Pubblicato il - 17 giugno 2018 - 20:41

RIVA DEL GARDA. Marciapiedi che diventano vere e proprie trappole con buche profonde diversi centimetri e avvallamenti pericolosi, causati dalle radici. Una situazione arrivata al limite e che si sta registrando a Riva del Garda. A denuncialo sono gli stessi cittadini, alcuni dei quali rimasti vittime di incidenti con la bici o semplicemente passeggiando, e che ora sono stanchi di sostenere una situazione del genere.

 

Con l'arrivo dell'estate, infatti, sono in molti quelli che decidono di uscire di casa per una passeggiata e per un giro in bicicletta. Lo stato dei marciapiedi, però, rischia di trasformare un momento di svago in una bruttissima esperienza.

Le segnalazioni dei marciapiedi diventati ormai impraticabili sono arrivate sui social e riguardano viale dei Tigli ma anche da altre zone della città. Qualcuno ci scherza : “Non sarà colpa della Raggi anche questa volta...”. Però una signora non ha molta voglia di riderci sopra. Caduta sabato per colpa di un avvallamento causato dalle radici che hanno bucato l'asfalto ha finito per farsi male sbattendo a terra con la testa e rimediando 5 giorni di prognosi tra acciacchi ed escoriazioni.

 

Gran parte dei marciapiedi si sarebbero trasformati in trappole a causa le radici dei tigli che vanno a deformare l'asfalto oppure i continui rattoppamenti che poi a causa delle forti piogge vanno a trasformarsi in buche. La richiesta dei cittadini è una sola: “Servono subito delle manutenzioni straordinarie – spiegano alcuni – perchè già alcune persone sono cadute e si sono fatte male”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

15 novembre - 13:09

L'importanza del risparmio per un futuro sostenibile al centro dell'iniziativa formativa promossa dalla Cassa Rurale Vallagarina nelle scuole elementari del basso Trentino e dell'alto Veronese. "E grazie ai numerosi interventi, del nostro bilancio sociale a favore dei soci, delle famiglie, delle imprese e delle associazioni, sosteniamo le nostre comunità”

16 novembre - 17:37

E' stata eletta la nuova coordinatrice dell'Unione per gli Universitari. Sul problema degli affitti spiega: "stiamo pensando all'istituzione di uno sportello affitti e ad una piattaforma dove i privati possano registrare le offerte di alloggio, in modo che gli studenti possano più facilmente districarsi nella giungla degli affitti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato