Contenuto sponsorizzato

Rivolta al carcere, oltre 200 detenuti barricati per protestare dopo l'ennesimo suicidio

Una situazione estremamente difficile, tanto che un elicottero della polizia si è levato in volo per sorvolare il carcere e tenere monitorata la zona, mentre sul posto sono accorse le forze dell'ordine: polizia, carabinieri e guardia di finanza, oltre a vigili del fuoco di Gardolo, permanenti di Trento e ambulanze

Di Luca Andreazza e Donatello Baldo - 22 dicembre 2018 - 15:39

TRENTO. E' rientrata la rivolta al carcere di Trento. La mediazione di commissariato, questura e vertici della casa circondariale è riuscita a fermare la sommossa dei detenuti. E' ritornato tutto alla normalità dopo una mattina tesissima. 

 

Ore convulse e tensione altissima, tutto è scoppiato a causa dell'ennesimo suicidio all'interno del carcere, avvenuto nel corso della notte scorsa. Oltre 200 dei 334 detenuti si sono barricati nelle celle e nei corridoi per protestate. Praticamente tutti, tranne la sezione femminile. A fuoco anche sedie, tavoli e suppellettili

 

Una situazione estremamente difficile, tanto che un elicottero della polizia si è levato in volo per sorvolare il carcere e tenere monitorata la zona, mentre sul posto sono accorse le forze dell'ordine: polizia, carabinieri e guardia di finanza, oltre a vigili del fuoco di Gardolo, permanenti di Trento e ambulanze.

 

 

"Siamo riusciti a garantire il ripristino della normalità - spiega Sandro Lombardi, prefetto di Trento - dopo il colloquio portato avanti con alcuni rappresentanti dei detenuti. Il tempestivo intervento delle istituzioni ha permesso di gestire la situazione. Non ci sono feriti, mentre restano da quantificare i danni ai suppellettili dati alle fiamme".

 

Diversi i problemi lamentati dai detenuti, i principali sono il servizio sanitario e le richieste di permessi al giudice di sorveglianza. "Tutti problemi risolvibili - evidenzia Lombardi - non ci saranno ulteriori conseguenze". 

 

Anche la garante dei detenuti e il governatore della Provincia hanno raggiunto la casa circondariale, sul posto poi si sono portati Paolo Ghezzi e l'avvocato Andrea de Bertolini per esercitare il potere ispettivo e rendersi conto di quanto fosse in corso. E' arrivato tempestivamente l'avvocato Fabio Valcanover, da sempre sensibile sulle tematiche che riguardano il carcere.

"Un ringraziamento alle forze dell'ordine, soccorsi e pompieri - commenta Fugatti - ma ora si devono capire le motivazioni di quanto accaduto e ognuno assumendosi le proprie responsabilità. L'amministrazione è pronta fare la propria parte dopo i necessari approfondimenti e le opportune verifiche. Restano da capire anche la capacità di capienza della struttura, così come le ragioni di un tasso di suicidi superiore alla media nazionale".

 

Nel frattempo è molto complicata anche la situazione all'esterno dei cancelli. I famigliari non hanno potuto visitare i propri parenti e congiunti ristretti. Tenuti all'oscuro di tutto, una ventina di persone poi diventate circa cinquanta, hanno atteso nel piazzale. Preoccupati per l'assenza di notizie e la confusione all'interno dell'edificio.

 

Molti detenuti si sono affacciati alla finestra per cercare di comunicare con i parenti, mentre altri urlavano "Aiuto" e "Assassini". Ora tutto è rientrato, mentre i colloqui sono stati spostati a lunedì.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato