Contenuto sponsorizzato

Si fa prestare una moto d'epoca e poi ruba i pezzi originali. Denunciato un 34enne

L'uomo, assieme ad un 60enne di Roveredo in Piano, ha smontato la moto e poi sostituiti i pezzi con altri non originali

Pubblicato il - 15 marzo 2018 - 17:43

FONTANAFREDDA. Si erano fatti prestare una moto d'epoca per fare una gara. L'hanno smontata e poi tutti i pezzi li hanno sostituiti con altri non originali. Vittima è un imprenditore di Oderzo e a finire nei guai sono un 60enne di Roveredo in Piano (Pordenone) e un 34enne di Caldonazzo.

 

Il fatto è avvenuto nell'agosto dello scorso anno. Il veneto aveva prestato una moto cross d'epoca di marca Mayco.

Dopo la competizione i due hanno restituito la moto. Il legittimo proprietario, però, ha immediatamente visto che qualcosa non funzionava e che alcuni pezzi della sua due ruote non erano originali.

 

Non riuscendo ad averli indietro ha denunciato l'accaduto ai carabinieri della stazione di Fontanafredda (Pordenone) che hanno avviato una indagine.
 

A seguito di una serie di perquisizioni, i carabinieri sono riusciti a trovare all'interno del garage adibito a officina del 60enne, due ammortizzatori, due focelle, un serbatoio e due ruote dotati di pneumatici con cerchio dorato. Pezzi che corrispondevano perfettamenet a quelli della moto d'epoca.

 

I due uomini, il 60enne di Roveredo in Piano e il 34enne di Caldonazzo, sono stati denunciati per appropriazione indebita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 12:46

L'incidente era avvenuto sabato scorso lungo la strada provinciale 232 che collega Ziano di Fiemme e Predazzo, la madre si trova ancora ricoverata in rianimazione all'ospedale del capoluogo

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

13 luglio - 11:40

Un dato che può essere considerato l'ennesimo campanello d'allarme. Sono 174 i tamponi analizzati nelle ultime 24 ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato