Contenuto sponsorizzato

Si fa prestare una moto d'epoca e poi ruba i pezzi originali. Denunciato un 34enne

L'uomo, assieme ad un 60enne di Roveredo in Piano, ha smontato la moto e poi sostituiti i pezzi con altri non originali

Pubblicato il - 15 marzo 2018 - 17:43

FONTANAFREDDA. Si erano fatti prestare una moto d'epoca per fare una gara. L'hanno smontata e poi tutti i pezzi li hanno sostituiti con altri non originali. Vittima è un imprenditore di Oderzo e a finire nei guai sono un 60enne di Roveredo in Piano (Pordenone) e un 34enne di Caldonazzo.

 

Il fatto è avvenuto nell'agosto dello scorso anno. Il veneto aveva prestato una moto cross d'epoca di marca Mayco.

Dopo la competizione i due hanno restituito la moto. Il legittimo proprietario, però, ha immediatamente visto che qualcosa non funzionava e che alcuni pezzi della sua due ruote non erano originali.

 

Non riuscendo ad averli indietro ha denunciato l'accaduto ai carabinieri della stazione di Fontanafredda (Pordenone) che hanno avviato una indagine.
 

A seguito di una serie di perquisizioni, i carabinieri sono riusciti a trovare all'interno del garage adibito a officina del 60enne, due ammortizzatori, due focelle, un serbatoio e due ruote dotati di pneumatici con cerchio dorato. Pezzi che corrispondevano perfettamenet a quelli della moto d'epoca.

 

I due uomini, il 60enne di Roveredo in Piano e il 34enne di Caldonazzo, sono stati denunciati per appropriazione indebita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

15 novembre - 13:09

L'importanza del risparmio per un futuro sostenibile al centro dell'iniziativa formativa promossa dalla Cassa Rurale Vallagarina nelle scuole elementari del basso Trentino e dell'alto Veronese. "E grazie ai numerosi interventi, del nostro bilancio sociale a favore dei soci, delle famiglie, delle imprese e delle associazioni, sosteniamo le nostre comunità”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato