Contenuto sponsorizzato

Si solleva un giunto in mezzo alla strada, auto danneggiate e traffico in tilt

E' successo all'altezza del ponte che sovrasta il fiume Avisio a Lavis. Sul posto i vigili del fuoco di zona, il Servizio strade della Provincia, la polizia locale di Trento e il corpo di Lavis. QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 06 settembre 2018 - 15:36

LAVIS. Intervento d'urgenza per i vigili del fuoco di Lavis, che si sono portati sulla strada provinciale 235 per un soccorso tecnico per un ostacolo in mezzo alla carreggiata. 

 

Poco prima delle 14 diversi automobilisti hanno segnalato la presenza di un giunto di dilatazione staccato all'altezza del ponte che sovrasta il fiume Avisio a Lavis.

 

Un danneggiamento molto pericoloso, in quanto il giunto si vedeva solo all'ultimo. Questo distaccamento ha causato inoltre brusche frenate e cambi di direzione repentini per evitare l'ostacolo in mezzo alla carreggiata. 

 

Il bilancio è di tre auto danneggiate, forte rallentamento del traffico e la chiusura temporanea della corsia per permettere l'intervento in piena sicurezza.

 

Dopo i primi allarmi sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Lavis, il Servizio strade della Provincia, oltre alla polizia locale di Trento e il corpo di Lavis

 

Fortunatamente non si sono registrati incidenti o feriti, anche se come anticipato, sono tre le vetture che hanno riportato danneggiamenti a causa del transito sopra il giunto di dilatazione sollevato.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato