Contenuto sponsorizzato

''Siamo senza carburante'', fermano gli altri automobilisti e poi li truffano

Episodi segnalati nelle Giudicarie, ma anche in zona Trento. L'auto con targa bulgara ferma gli ignari automobilisti e poi propongono la vendita di oggetti in finto oro 

Pubblicato il - 29 marzo 2018 - 13:50

PONTE ARCHE. La polizia delle Giudicarie è intervenuta per allontanare una Ford Mondeo con targa bulgara. Dopo mesi di assenza, sono ritornati i truffatori di finto oro.

 

Il modus operandi degli uomini a bordo, con documenti rumeni, è un po' sempre il medesimo.

 

Prima tentano di attirare l'attenzione dei veicoli dei passanti per segnalare un'emergenza e bloccare le vetture in transito, quindi accennano alla difficoltà di continuare il proprio viaggio per la mancanza di carburante

 

A quel punto gli uomini chiedono denaro in cambio di oggetti in finto oro e poi si concentrano sulla prossima ignara vittima. 

 

Oltre all'area di Ponte Arche, alcune segnalazioni arrivano dalla zona di Trento, in particolare all'altezza di Sardagna e del Bus de Vela

 

Purtroppo, queste sono tentativi di raggirare i cittadini si ripetono ciclicamente, come quella relativa all'asfalto, quando i truffatori individuano un cantiere stradale, poi i finti operai, tutti stranieri e senza fissa dimora, si rivolgono a persone private per proporre interventi a piazzali e stradine facendo pagare la manodopera, mentre il materiale, che sarebbe avanzato nel vicino cantiere di lavori pubblici, viene offerto gratuitamente dietro il pagamento di un bonifico immediato (Qui articolo).

 

Le forze dell'ordine invitano i cittadini a prestare attenzione e segnalare ogni situazione sospetta o stranezza al fine di intervenire quanto prima e individuare i truffatori.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato