Contenuto sponsorizzato

Spruzza sull'autobus spray urticante al peperoncino. Momenti di panico sulla Linea3

E' successo ieri sera dopo una lite tra due passeggeri a bordo del mezzo. L'aggredito soccorso dal 118

Pubblicato il - 07 luglio 2018 - 09:31

TRENTO. Ancora sulla Linea 3, una nuova aggressione sull'autobus. Qualche giorno fa fu una ragazza a creare scompiglio, quando al momento dell'esibizione del titolo di viaggio, che non aveva, ha pensato bene di sfilare per ripicca le chiavi dal mezzo per poi scappare, lasciando l'autobus in panne.

 

Questa vola una lite a bordo ha raggiunto il suo apice quando l'aggressore ha deciso di svuotare la bomboletta spray al peperoncino in mezzo ai passeggeri. Un'azione che ha gettato tutti nel panico, costringendoli a scendere per poter respirare meglio.

 

Verso sera, infatti, due uomini che già in precedenza avevano avuto alterchi, si sono incontrati proprio sull'autobus della Line 3 quando, all'altezza di Corso 3 Novembre, sono nuovamente venuti alle mani. Uno dei due, in escandescenza, si è scagliato contro la porta di sicurezza che protegge l'autista, arrivando poi a sfoderare la bomboletta al peperoncino e spruzzarla ovunque.

 

L'uomo è poi fuggito, lasciando nella nuvola urticante tutto il bus e i passeggeri a bordo che faticavano a respirare, con gli occhi che bruciavano, sono dovuti scendere per cercare aria pulita. Momenti di paura che per fortuna non hanno avuto conseguenze mediche.

 

A chiamare le forze dell'ordine è stato l'autista del mezzo, ma poi anche l'aggredito che nel frattempo è stato soccorso dal 118 che è arrivato sul posto poco prima delle 21. Sull'accaduto e sull'identità dell'autore del gesto indagano i carabinieri

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato