Contenuto sponsorizzato

Strangolata con un cavo elettrico, Nicoleta, 46 anni, non è morta a causa di un incendio

La donna è stata trovata senza vita, tra le fiamme,  all'interno del suo appartamento lo scorso 17 luglio. Ora l'autopsia fornisce elementi nuovi 

Pubblicato il - 21 luglio 2018 - 13:06

BRUNICO. Potrebbe essere stata uccisa, strangolata con un filo elettrico, Nicoleta, la donna di 46 anni trovata senza vita a Brunico lo scorso 17 luglio all'interno del proprio appartamento tra le fiamme. La donna si trovava al terzo piano della palazzina ed era stata poi rinvenuta senza vita e in parte ustionata.

 

Successivamente è stata fatta l'autopsia, chiesta dalla Procura, e ora sono arrivati i risultati. La donna è morta per asfissia da strangolamento provocato dall’utilizzo dal cavo elettrico trovato sul cadavere, proprio nei pressi del collo.

 

Inizialmente si pensava che la morte fosse stata causata dall’inalazione inconsapevole della vittima del fumo generato dall’insolito incendio sviluppatosi in casa. Gli esami, in realtà, hanno mostrato come nei polmoni non ci fossero tracce di fumo a dimostrazione che la donna, al momento dell'incendio, non sarebbe già più stata in vita.

 

Secondo alcuni ipotesi, il rogo potrebbe essere stato provocato dall'assassino per cancellare alcune tracce. Gli inquirenti stanno ora proseguendo le indagini.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 09:05

Il maxitamponamento avvenuto attorno alle 6.30 della mattina di giovedì 21 gennaio ha provocato non pochi disagi. Molti, almeno 10, i veicoli coinvolti all'imbocco della galleria dei Crozi. Viabilità completamente bloccata in direzione Trento, con code anche nelle strade alternative, verso Cognola da Civezzano e verso Valsorda da Bosentino

20 gennaio - 18:51

Nelle commissioni dei consigli comunali si discute e si decide di problemi concreti dei cittadini. Per questo la mancanza delle donne da questi tavoli sarebbe dannosa perché non verrebbero rappresentate le necessità di una fetta importante della popolazione. Il Consiglio Regionale ha quindi approvato una mozione che d'ora in avanti garantirà "un'adeguata rappresentanza di entrambi i generi" anche nelle commissioni consiliari

20 gennaio - 21:04

Le opposizioni chiedevano di conoscere “tutte le informazioni che sono state raccolte dall’Azienda Sanitaria e dall’Assessorato in questi mesi” ma la Provincia ha comunicato solo dati già conosciuti, omettendo di rispondere sulle tempistiche dei tamponi molecolari di controllo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato