Contenuto sponsorizzato

Tragedia della strada, sbanda e cade con lo scooter e perde la vita

E' successo tra Mori e Isera a un uomo del posto di 48 anni. Sul posto i soccorsi ma non c'è stato nulla da fare

Pubblicato il - 21 settembre 2018 - 19:08

MORI. Una vera tragedia. Non è ancora completamente delineata la dinamica di cosa possa essere successo ma quel che è certo è che un uomo è morto mentre stava guidando il suo scooter.

 

48 enne del posto, originario della frazione di Tierno, stava percorrendo la strada provinciale 90, quella che da Mori porta a Isera, la strada del Mossano. L'uomo si trovava all'altezza dell'ultima curva che poi apre a un lungo rettilineo che conduce fino ad Isera quando ha sbandato.

 

La polizia sta facendo i rilievi per capire cosa possa essere successo e l'ipotesi più accreditata è che possa aver allargato troppo la curva, sia uscito per un attimo di strada finendo sul breccino che si trova su uno slargo e poi rientrando sull'asfalto abbia perso il controllo cadendo violentemente sull'asfalto.

 

 

I soccorsi sono stati allertati intorno alle 17.45 e sono giunti subito sul posto con un'ambulanza e l'elicottero ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Le forze dell'ordine stanno compiendo gli ultimi rilievi e un testimone ha confermato che si sarebbe trattato di una uscita autonoma di strada con successiva perdita di controllo rientrato sull'asfalto. Il tutto compiuto nemmeno a velocità troppo sostenuta. Una tragica fatalità costata la vita a un uomo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato