Contenuto sponsorizzato

Trasforma una ''C'' in ''G'' e tarocca la targa della moto: dai controlli arriva la sorpresa

E' successo a Pasquetta lungo la statale 46 all'altezza di Vallarsa. Le telecamere avevano registrato il transito di una moto senza assicurazione

Pubblicato il - 03 aprile 2018 - 15:22

ROVERETO. Aveva contraffatto la targa della moto, trasformando la 'G' in 'C', nei guai un cinquantenne vicentino, che nel giorno del suo compleanno si è visto sequestrare il mezzo. Ieri l'uomo stava percorrendo la strada statale 46 a Vallarsa, quando è stato fermato davanti alla caserma dei carabinieri. 

 

Poco prima del passaggio davanti alla stazione, le telecamere avevano, infatti, segnalato il transito di una moto priva di assicurazione e aveva immortalato la targa. I carabinieri a quel punto hanno fermato il cinquantenne per i controlli e le verifiche del caso.

 

Il motociclista, che viaggiava in comitiva verso Vicenza, aveva trasformato la 'G' in 'C', mentre i documenti dell'assicurazione mostravano la targa in modo corretto.

 

Questa alterazione ha portato al sequestro della moto, ma per i carabinieri il lavoro non è finito: gli agenti ora dovranno rintracciare il proprietario del veicolo con la targa 'clonata' per verificare l'eventuale presenza di sanzioni per comportamenti non addebitabili.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato