Contenuto sponsorizzato

Trattava rifiuti senza autorizzazione e all'interno di un capannone senza agibilità, multa da 10 mila euro

Le forze dell'ordine, dopo aver verificato il rispetto delle prescrizioni di regolarizzazione, cioè la chiusura dell’attività nell’unità operativa di Storo, e aver accertato l’avvenuto pagamento di 9.750 euro, la polizia locale della Valle del Chiese ha trasmesso gli atti alla Procura per archiviare il procedimento

Pubblicato il - 21 marzo 2018 - 16:52

TIONE. Una multa da dieci mila euro, 9.750 euro per la precisione. Costa caro a una ditta di Tione il trattamento illecito di rifiuti.

Il legale rappresentante era stato denunciato dalla polizia locale della Valle del Chiese per aver esercitato attività di recupero di rifiuti non pericolosi in difformità dalla autorizzazione per quantità, ma anche per la modalità di trattamento in assenza della prevista autorizzazione per tipologie di rifiuti diversi da quelli consentiti.

Oggi si è chiuso il procedimento verso questa azienda di Tione, la quale ha usufruito dei benefici di legge, un provvedimento che consente di pagare una sanzione amministrativa in presenza dell'adempimento delle prescrizioni imposte dalla polizia giudiziaria in alternativa al procedimento giudiziario.

Le forze dell'ordine, dopo aver verificato il rispetto delle prescrizioni di regolarizzazione, che in questo caso hanno coinciso con la chiusura dell’attività nell’unità operativa di Storo, e aver accertato l’avvenuto pagamento di 9.750 euro, la polizia locale della Valle del Chiese ha trasmesso gli atti alla Procura per archiviare il procedimento.

 

Una vicenda che affonda le radici nel giugno dell’anno scorso quando, durante una normale controllo del territorio, era stata verificata la presenza in un capannone della zona artigianale di alcune persone intente nel trattamento di rifiuti.

 

I controlli avevano immediatamente consentito di appurare la presenza di tipologie di rifiuti non ricompresi nelle autorizzazioni, ma anche violazioni sulle normative del lavoro per i quali sono stati informati i competenti uffici provinciali.

Le quantità e le modalità di trattamento dei rifiuti autorizzati violavano inoltre i limiti delle autorizzazioni. Un'attività che violava il testo unico dell’ambiente con l'ammenda da 2.600 a 26.000 euro in caso di trattamento di rifiuti non pericolosi. In quell'occasione era stata inoltre accertata la mancanza di agibilità del capannone e la conseguente sanzione a carico del proprietario.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato