Contenuto sponsorizzato

Trento, tentò di uccidere l'ex compagna con una lametta e dei cocci di vetro, condannato a 6 anni un 40enne

L'aggressione è avvenuto il 4 febbraio scorso a Madonna Bianca 

Pubblicato il - 23 maggio 2018 - 09:21

TRENTO. E' stato condannato a sei anni l'uomo che il 4 febbraio scorso aveva aggredito l'ex compagna nella propria abitazione a Madonna Bianca. La donna era stata sfregiata al volto e ancora oggi porta i segni di quella terribile violenza.

 

L'aggressione, come già detto, era avvenuta la sera del 4 febbraio e la vittima è una donna di origine tunisina.

 

L'allarme era scattato poco dopo mezzanotte. L'uomo, un 41enne tunisino, era entrato in casa e aveva iniziato a colpirla con un oggetto contundente e dei cocci di bottiglia.

 

Dei colpi dai quali la donna avrebbe cercato di difendersi e solo grazie a questo non sono stati fatali.

 

Svegliata dal rumore la figlioletta era uscita dalla stanza e vedendo quello che stava accadendo aveva chiamato aiuto.

 

Un vicino diede immediatamente l'allarme. L'uomo riuscì a fuggire e le forze dell'ordine avviarono immediatamente le ricerche. Sentendosi in trappola il 41enne era tornato a nascondersi nella cantina della palazzina dove viveva la donna. Le forze dell'ordine, dopo una notte di ricerche sono riusciti ad individuarlo e fermarlo per tentato omicidio e lesioni gravissime.

 

L'uomo è stato ora condannato a 6 anni di carcere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato