Contenuto sponsorizzato

Truffa via internet: ha risposto a una mail e ha aperto le porte al suo conto corrente. Prelevati 200 euro

E' successo all'ex direttricve del carcere di Rovereto Antonella Forgione. Individuata l'autrice del reato: 4 mesi di reclusione a una donna pugliese

Pubblicato il - 02 giugno 2018 - 09:55

TRENTO. La frode è arrivata via internet, attraverso una mail che sembrava ufficiale: una richiesta di verifica dei dati personali del profilo della carta di debito di PostePay. Sono bastati pochi clic per mettere nelle mani di una donna pugliese l'accesso al conto corrente. Subito dopo, sullo stesso conto sono state prelevate 200 euro.

 

Vittima di questo raggiro Antonella Forgione, ex direttrice del Carcere di Rovereto, che non appena si è accorta del prelievo ha subito provveduto alla denuncia. Le indagini hanno subito portato all'identificazione dell'autrice del reato, una donna di 33 anni residente in Puglia.

 

Il processo a suo carico si è concluso con una condanna a 4 mesi di reclusione (con la sospensione della pena) e al pagamento di una multa di 40 euro, oltre alle spese processuali. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 09:49

"Abbiamo una sede di 500 metri quadri coperti e un parcheggio privato di 18 posti auto con altri parcheggi vicini” ha spiegato l'Imam Aboulkheir Breigheche. Yassine Lafram, presidente dell'Unione delle Comunità Islamiche del nostro Paese: “Con grande sensibilità per il tema della sanità pubblica e un grande senso di appartenenza siamo disponibili a dare il nostro contributo per uscire tutti insieme al più presto da questa situazione”

07 marzo - 05:01

I sindacati Cgil, Cisl e Uil: "Chi chiedeva trasparenza e azioni concrete per contenere il contagio veniva accusato, mentre in realtà voleva solo preservare il territorio. Com'è che diceva il presidente Maurizio Fugatti? 'E poi si tira la riga e si vede il risultato'. Eccolo purtroppo". Zanella (Futura): "Giudizio impietoso. E non interessa del personale al collasso, mica c'è lui a riorganizzare e farsi turni massacranti"

07 marzo - 09:13

Secondo una prima ricostruzione l’auto, una Fiat Panda, guidata dal 35enne ha accidentalmente invaso la corsia opposta proprio mentre stava sopraggiungendo il furgone guidato dal fratello Manuel. L’impatto è stato terribile, nell’incidente ha perso la vita Amos Dalla Verde

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato