Contenuto sponsorizzato

Va a fuoco il motore dell'autobus e i passeggeri vengono fatti scendere

E' successo sulla linea 1 che porta verso Sopramonte. Tanta paura ma nessun ferito anche grazie alla bravura dell'autista che ha fatto scendere tutti

Pubblicato il - 09 giugno 2018 - 21:24

TRENTO. E' andato a fuoco. Il motore si è surriscaldato e ha cominciato a bruciare andando a ''magiare'' la parte posteriore del mezzo.

 

 

Tanta paura questo pomeriggio sull'autobus 1 della linea che conduce fino a Sopramonte. All'altezza di Cadine, infatti, un bus che a bordo aveva 5 o 6 persone oltre all'autista, ha cominciato a fare più fatica del solito mentre stava affrontando il tratto in salita. All'improvviso si è alzato del fumo bianco e l'autista ha capito che qualcosa non andava. Ha fermato il mezzo e accortosi che delle vere e proprie fiamme si stavano sprigionando dal vano motore ha fatto scendere i passeggeri.

 

 

Nessuno si è fatto male, tutti sono scesi senza problemi e in breve tempo è stato inviato un altro bus per il trasbordo e per continuare il servizio. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Trento e i volontari della zona e hanno spento le fiamme e garantito il normale deflusso del traffico. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato