Contenuto sponsorizzato

Vanno ad arrampicare ma vengono bloccati dal buio. Due 26enni in salvo grazie al Soccorso Alpino

Sul posto è intervenuto anche il corpo dei vigili del fuoco volontari di Dro. Il soccorso alpino: "Pianificate con attenzione le uscite partendo presto al mattino e con attrezzatura idonea"

Pubblicato il - 05 novembre 2018 - 08:39

DRO. Si sono avventurati su una parete di arrampicata ma hanno fatto male i conti e il buio li ha sorpresi bloccandoli e costringendoli a chiamare aiuto. E' successo a due giovani vicentini di 26 anni che ieri pomeriggio si era avventurati per la via Teresa sulle Placche Zebrate, famosa parete di arrampicata nel comune di Dro.

I due ragazzi si trovavano all'ultimo tiro della via quando sono stati sorpresi dal buio. Impossibilitati a proseguire con sicurezza hanno chiamato la Centrale Unica per le Emergenze 112 e immediatamente è stata inviata sul posto una squadra di Tecnici del Soccorso Alpino Trentino.

Grazie all'intervento della fotoelettrica dei Vigili del Fuoco di Dro è stata illuminata l'area e i Tecnici del Soccorso Alpino Trentino sono potuti intervenire raggiungendo l'arrivo della via e calandosi dall'alto. Gli arrampicatori, fortunatamente incolumi, hanno concluso la via in autonomia e sono stati poi accompagnati alla base della parete.

Il Soccorso Alpino Trentino consiglia a tutti gli escursionisti di pianificare con attenzione le uscite partendo presto al mattino, sfruttando così maggiormente le ore di luce, e di portare con sé attrezzatura idonea al terreno e alle possibili condizioni climatiche. Importante calcolare i tempi di percorrenza della propria escursione in considerazione del fatto che le giornate si accorciano e le temperature in montagna si fanno via via più rigide.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 16:09

Fra i 2 positivi uno è minorenne, il numero dei pazienti ricoverati scende a 16, di cui 3 in rianimazione a Rovereto. Ben 1597 i tamponi effettuati

30 maggio - 13:14

Come riportano i carabinieri, il cippo è stato imbrattato con vernice nera sopra la scritta Italia e il cavo pennone è stato tranciato così da rubare la bandiera

30 maggio - 16:11

Il presidente del Veneto accusa Atene dimenticandosi che al momento nemmeno il nostro Paese permette ai cittadini di circolare tra le regioni e dandosi, in realtà, anche una risposta da solo per quanto da loro deciso: ''Non mi risulta che la sanità della Grecia sia come quella dell'Italia: non accettiamo lezioni da quel Paese''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato