Contenuto sponsorizzato

Vetrina danneggiata in pieno centro a Trento, Pinalli nel mirino

Una vetrina danneggiata in pieno centro storico, nel mirino il Pinalli in via Oss Mazzurana. Anche se la vetrata non si è frantumata, i danni sono ingenti

Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 17:09

TRENTO. Una vetrina danneggiata in pieno centro storico, nel mirino il Pinalli in via Oss Mazzurana.

 

Amaro risveglio per il titolare e i dipendenti dell'azienda emiliana, realtà che commercializza prodotti di bellezza.

 

La vetrina è stata oggetto di atti di vandalismo nella notte, forse una bravata o forse un tentativo di spaccata, ma in ogni caso un gesto da condannare.

 

Sono, infatti, ingenti i danni riportati dall'esercizio commerciale. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato