Contenuto sponsorizzato

Viaggiavano in treno con documenti falsi e un decreto di carcerazione, due persone arrestate

Un uomo, nel corso di alcuni controlli, ha presentato un documento sloveno falso mentre un'altro doveva ancora scontare sei mesi e 10 giorni di reclusione

Pubblicato il - 12 dicembre 2018 - 13:24

BOLZANO. Non si ferma l'azione della polizia ferroviaria a bordo dei treni che negli ultimi giorni ha portato all'arresto di due persone.

 

In un primo caso si stratta di un cittadino kossovaro, diretto in Germania, che nel corso di un controllo ha esibito un documento sloveno. Immediatamente gli agenti che stavano facendo dei controlli, hanno avuto alcune perplessità e per questo hanno deciso di accompagnarlo negli Uffici della Sezione Polfer di Bolzano.

 

Qui a seguito di accurati accertamenti sul documento si è appurato che era falso. L'uomo è stato tratto in arresto.

 

Il secondo cittadino, invece, un marocchino in Italia da oltre dieci anni, è stato trovato nel corso della notte con altri soggetti all’interno dello scalo ferroviario. Accompagnato in Ufficio, dopo gli accertamenti circa la propria identità, è emerso a suo carico un Decreto di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Firenze e una pena residua da scontare di sei mesi e 10 giorni di reclusione, per reati concernenti lo spaccio di stupefacenti. Anche in questo caso l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 giugno - 09:50

L'iniziativa rivolta a tutti i cittadini che soffrono il caldo e possono trovare un po' di fresco nei locali che il corpo di Arco ha deciso di mettere a disposizione. Il comandante Bonamico: "E' il terzo anno che apriamo le porte della caserma per aiutare chi soffre il caldo ed è un modo per stare sempre vicini alla comunità"

25 giugno - 06:01

Il post di uno studente sulla pagina Facebook ''Spotted: Unitn'' ha aperto il dibattito sulla questione delle ''carriere alias''. La prorettrice Poggio: ''“L'Università di Trento è stata tra i primi atenei in Italia ad adottare una procedura per il rilascio del 'doppio libretto' per gli studenti o le studentesse in transizione di genere ma con il passaggio al libretto elettronico si sono avuti problemi''

25 giugno - 08:22

E' stato portato all'ospedale Santa Chiara dove si sta riprendendo. I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire quello che è successo e cercare di individuare l'autore dell'accoltellamento. La rissa con una decina di persone è scoppiata domenica mattina 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato