Contenuto sponsorizzato

Viaggiavano in treno con documenti falsi e un decreto di carcerazione, due persone arrestate

Un uomo, nel corso di alcuni controlli, ha presentato un documento sloveno falso mentre un'altro doveva ancora scontare sei mesi e 10 giorni di reclusione

Pubblicato il - 12 dicembre 2018 - 13:24

BOLZANO. Non si ferma l'azione della polizia ferroviaria a bordo dei treni che negli ultimi giorni ha portato all'arresto di due persone.

 

In un primo caso si stratta di un cittadino kossovaro, diretto in Germania, che nel corso di un controllo ha esibito un documento sloveno. Immediatamente gli agenti che stavano facendo dei controlli, hanno avuto alcune perplessità e per questo hanno deciso di accompagnarlo negli Uffici della Sezione Polfer di Bolzano.

 

Qui a seguito di accurati accertamenti sul documento si è appurato che era falso. L'uomo è stato tratto in arresto.

 

Il secondo cittadino, invece, un marocchino in Italia da oltre dieci anni, è stato trovato nel corso della notte con altri soggetti all’interno dello scalo ferroviario. Accompagnato in Ufficio, dopo gli accertamenti circa la propria identità, è emerso a suo carico un Decreto di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Firenze e una pena residua da scontare di sei mesi e 10 giorni di reclusione, per reati concernenti lo spaccio di stupefacenti. Anche in questo caso l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Trento.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato