Contenuto sponsorizzato

Viaggiavano in treno con documenti falsi e un decreto di carcerazione, due persone arrestate

Un uomo, nel corso di alcuni controlli, ha presentato un documento sloveno falso mentre un'altro doveva ancora scontare sei mesi e 10 giorni di reclusione

Pubblicato il - 12 December 2018 - 13:24

BOLZANO. Non si ferma l'azione della polizia ferroviaria a bordo dei treni che negli ultimi giorni ha portato all'arresto di due persone.

 

In un primo caso si stratta di un cittadino kossovaro, diretto in Germania, che nel corso di un controllo ha esibito un documento sloveno. Immediatamente gli agenti che stavano facendo dei controlli, hanno avuto alcune perplessità e per questo hanno deciso di accompagnarlo negli Uffici della Sezione Polfer di Bolzano.

 

Qui a seguito di accurati accertamenti sul documento si è appurato che era falso. L'uomo è stato tratto in arresto.

 

Il secondo cittadino, invece, un marocchino in Italia da oltre dieci anni, è stato trovato nel corso della notte con altri soggetti all’interno dello scalo ferroviario. Accompagnato in Ufficio, dopo gli accertamenti circa la propria identità, è emerso a suo carico un Decreto di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Firenze e una pena residua da scontare di sei mesi e 10 giorni di reclusione, per reati concernenti lo spaccio di stupefacenti. Anche in questo caso l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 February - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 February - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 February - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato