Contenuto sponsorizzato

Viene attaccato da uno sciame di vespe, elitrasportato in codice rosso in ospedale

Un operaio era al lavoro lungo la ciclabile a Fucine di Peio con il decespugliatore quando deve aver colpito un nido di vespe che hanno cominciato a pungerlo

Pubblicato il - 01 agosto 2018 - 17:57

PEIO. E' stato attaccato da uno sciame di vespe venendo punto molte volte e rischiando davvero grosso. E' successo questo pomeriggio poco prima delle 17 a un uomo che stava lavorando con il decespugliatore lungo la ciclabile della Val di Sole nel tratto che da Fucine risale verso Cogolo.  

 

A Fucine, infatti, si ha il crocevia tra la Valle di Sole e la Valle di Peio e la pista ciclabile una volta superato l’abitato di Fucine prosegue in direzione nord ovest per inoltrarsi nella valle di Peio in un primo tratto semipianeggiante fino alla località Forno di Novale e in seguito in salita verso Cogolo. Proprio all'altezza degli ultimi edifici di Fucine era al lavoro un operaio che stava cercando di sistemare cespugli e piante sporgenti lungo la ciclabile. 

 

Probabilmente proprio con il decespugliatore ha colpito inavvertitamente un nido di vespe che lo hanno attaccato. Sul posto sono stati chiamati i sanitari e i vigili del fuoco di Peio per dare supporto all'elisoccorso. L'uomo è stato, quindi, caricato sull'elicottero e portato all'ospedale di Cles in codice rosso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 18:29

L'uomo ha lasciato la sua casa di Quero Vas nel primo pomeriggio di ieri e da quel momento non si sono più avute notizie

18 novembre - 12:04

Il problema è più diffuso di quel che si potrebbe pensare infatti sono molti i senza fissa dimora che pur di non separarsi dall’amico animale scelgono di non accedere alle strutture residenziali, sfidando la rigidità dell’inverno e talvolta mettendo in pericolo la propria vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato