Contenuto sponsorizzato

Voleva battere un record di profondità, ancora disperso un sub nel Garda. Le ricerche proseguono senza sosta

Partito dalla spiaggia del campeggio Garda a Limone nella serata di ieri, il sub sembra avesse l'obiettivo di arrivare a una profondità di oltre 300 metri. Al lavoro anche i vigili del fuoco di Riva e il nucleo sommozzatori di Trento

Pubblicato il - 14 ottobre 2018 - 17:34

LIMONE. Stava cercando di battere un record di profondità quando è scomparso. Continuano, imperterrite, le ricerche di un sub polacco disperso nelle acque del Lago di Garda all'altezza di Limone. Dalle 7 di questa mattina sono al lavoro con sub e motovedette il Nucleo sommozzatori di Trento, la Guardia Costiera oltre ai vigili del fuoco di Riva e la squadra nautica della polizia di Salò.

 

 

E' operativo anche l'elicottero fatto giungere da Varese per perlustrare le acque del lago dall'alto ma dell'uomo non c'è ancora traccia. 

 

Partito dalla spiaggia del campeggio Garda a Limone nella serata di ieri, il sub sembra avesse l'obiettivo di arrivare a una profondità di oltre 300 metri con uno scooter subacqueoDa quel momento non ha più fatto ritorno e già dalla notte scorsa sono in corso le ricerche. Un anno fa sempre un sub polacco, Waclaw Lejko, era morto mentre cercava di compiere un record al largo del porto di Tremosine non distante dal punto dove si è immerso ieri sera l'uomo scomparso.

 

 

 

 

I vigili del fuoco volontari di Riva del Garda sono impegnati nell'assistenza del nucleo sommozzatori che sta scandagliando i fondali

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 06:01

Sono 35 le aziende che in queste ultime tre settimane hanno scelto di sottoporre i propri dipendenti al test sierologico. Azelio De Santa: "Le aziende investono su questo strumento di indagine, ed è giusto che ricevano un riscontro efficiente da parte dell'Azienda sanitaria. Nella fase-2 e nella fase-3, infatti, l'obiettivo sarà quello di localizzare velocemente i focolai e gestirli in modo veloce e efficace. Serve chiarezza"

30 maggio - 10:34

E' obbligatorio che le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio, teli, stuoie) siano distanziate di almeno un metro e mezzo.  L'attrezzatura consegnata ai propri clienti dai gestori di esercizi pubblici posti sulla spiaggia pubblica dovranno essere disinfettati a ogni cambio di persona o nucleo famigliare

29 maggio - 16:49

Molto di questa stagione estiva ai tempi di Covid-19 si potrebbe giocare in casa per un ritorno a un turismo degli anni '70. D'altra parte le ferie restano un po' un rebus, l'ipotesi è quella di aprire confini e frontiere il prossimo 3 giugno, mentre si tratta sulla riapertura del Brennero con l'Austria che ha garantito almeno un corridoio di transito dagli altri Paesi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato