Contenuto sponsorizzato

Volevano andare in riva al lago ma sbagliano strada e si trovano impantanati con l'auto sulla spiaggia

E' successo ieri pomeriggio a Riva del Garda a pochi passi dal porto di San Nicolò

Foto: Gruppo FB "Sei di Riva Se"
Pubblicato il - 12 marzo 2018 - 10:35

RIVA DEL GARDA. Brutta esperienza ieri pomeriggio per due turisti di Verona che si sono trovati con la macchina impantanata sulla riva del lago di Garda con la necessità di chiamare il carro attrezzi e la polizia locale.

 

Il fatto è avvenuto a pochi metri dal porto di San Nicolò a Riva del Garda. I due veronesi hanno deciso di imboccare erroneamente una strada per arrivare in riva al lago senza però rispettare la segnaletica presente di area pedonale.

 

Arrivati a pochi metri dalla riva nel fare marcia indietro sono rimasti con le ruote bloccate. L'unica soluzione, dopo aver cercato di uscire dal pantano con l'aiuto di altri cittadini presenti, è stata la richiesta di aiuto ad un carro attrezzi e della polizia locale.

 

La vicenda si è conclusa con il recupero dell'auto ma anche con una multa per trovarsi con il mezzo in un'area pedonale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato