Contenuto sponsorizzato

A processo per 25 euro. Operaio trentino farà lavori di pubblica utilità

La vicenda riguarda i soldi spariti da una malga. Per l'imputato non è bastato risarcire il danno 

Pubblicato il - 18 luglio 2019 - 13:31

STORO. Accusato di aver rubato 25 euro un operaio trentino è finito in questi giorni a processo.

 

L'uomo stava lavorando in una malga che produce e vende prodotti caseari. Secondo l'accusa, l'imputato si sarebbe introdotto in cucina e avrebbe preso dei contanti che si trovavano all'interno di una scatola di latta. In tutto 25 euro tra monete e banconote.

 

La cifra, pur non elevata, ha fatto scattare la denuncia da parte dei titolari della malga. L'accusa è quella di furto in abitazione. A nulla è valsa la restituzione della cifra contestata. L'uomo è andato a processo e per lui era stato chiesto una condanna di un anno e quattro mesi.

 

Considerata la situazione, il giudice ha disposto la sospensione della pena il tutto subordinato a un anno di lavoro di pubblica utilità presso un ente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato