Contenuto sponsorizzato

A Trento sud oltre 200 persone per una festa non autorizzata. Notte insonne per i residenti

E' successo tra sabato e domenica. Le persone sono arrivate anche da fuori provincia per prendere parte al raduno che si è tenuto nel parco delle Ghiaie

Pubblicato il - 25 March 2019 - 08:30

TRENTO. Una notte insonne, quella tra sabato e domenica, per i residenti che si trovano in prossimità del parco delle Ghiaie dove si è svolta una festa non autorizzata con musica ad alto volume fino alle prime ore di mattina.

 

E' successo in quest'ultimo weekend ma non è la prima volta che i cittadini che abitano nelle immediata vicinanze del parco lamentano l'impossibilità di avere qualche ora di sonno a causa di feste al parco.

 

Sabato notte e fino alle 8 di ieri mattina al parco è stata sparata musiva di ogni genere. Oltre 200 persone, in parte anche da fuori provincia, hanno preso parte all'evento non autorizzato che è terminato nelle prime ore di domenica a seguito di diversi interveniti delle forze dell'ordine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 13:05

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso: questo significa che sono assimilati a due distinti territori 

04 December - 15:05

Per il governatore veneto, dal punto di vista epidemiologico la chiusura dei confini comunali non ha una razio sostenibile. Nelle ultime 24 ore sono stati circa 3700 i nuovi contagi in Veneto, 83 le persone decedute 

04 December - 12:02

La Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta ha deciso di aderire all'iniziativa lanciata dalla Südtiroler Heimatbund, associazione separatista, in vista del tradizionale appuntamento dell'8 dicembre, quando al cimitero di Appiano si commemora il primo capo del Bas Sepp Kerschbaumer. Al posto della cerimonia, una campagna di manifesti ha portato anche a Trento il ricordo ambiguo della figura che diede avvio al terrorismo sudtirolese

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato