Contenuto sponsorizzato

Al lavoro per creare un cervello bionico e curare amnesie ed epilessia: il progetto dell'Università di Trento

Lo studio finanziato per 2,5 milioni dal Consiglio europeo della ricerca. Pavesi: ''Riprodurremo i processi cognitivi in vitro''

Foto di Giovanni Cavulli
Pubblicato il - 15 gennaio 2019 - 15:58

TRENTO. Sviluppare in cinque anni un cervello bionico. È questo l'obiettivo di "Backup", il progetto interdisciplinare del Dipartimento di Fisica dell'Università di Trento, finanziato con 2,5 milioni di euro dal Consiglio europeo della ricerca. L'obiettivo: creare un sistema ibrido elettronico-fotonico-biologico per ricostruire l'attività di elaborazione e immagazzinamento dati del cervello e offrire soluzioni nuove a problemi neurologici.

 

Il progetto è coordinato dal professor Lorenzo Pavesi e prevede lo sviluppo di un cervello bionico nel quale i neuroni comunicano attraverso segnali luminosi con circuiti ottici ed elettronici. La prospettiva è appunto quella di riuscire a trovare nuove soluzioni a problemi quali amnesia ed epilessia.

 

L'attività di ricerca, finanziata tramite gli "Erc-Advanced grants" dedicati ad attività scientifiche innovative, è stata pianificata nelle scorse settimane. Dopo le assunzioni del personale necessario, il lavoro sperimentale è già partito. Oggi, al Polo Ferrari 1 a Povo, il lancio di "Backup" davanti alla comunità universitaria e alla presenza del rettore Paolo Collini e dei direttori dei dipartimenti e dei centri coinvolti (Giulio Monaco per il Dipartimento di Fisica, Nicu Sebe per il Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'informazione, Alessandro Quattrone per il Cibio, Carlo Miniussi per il Cimec).

 

L'incontro, seguito dagli incontri operativi dei gruppi di lavoro, è stata l'occasione per fare il punto degli obiettivi. "Unveiling the relationship between brain connectivity and function by integrated photonics": questo il titolo completo del progetto "Backup" che mira a svelare la relazione tra connettività cerebrale e funzione mediante la fonica integrata.

 

Si punta in sostanza a costruire un sistema ibrido elettronico-fotonico-biologico, un chip in grado di emulare il modo in cui il cervello elabora e memorizza l'informazione per realizzare computer neuromorfici, che si ispirino al cervello e riescano a modificare le connessioni sulla base delle esperienze.

 

"L'obiettivo - spiega Pavesi - è realizzare un sistema ibrido che sia in grado di sostituirsi alle funzioni cognitive del cervello attraverso l'uso di reti artificiali. Lavoreremo "in vitro", cioè su modelli che si realizzano in laboratorio, con un gruppo di ricerca tutto interno all'Università di Trento. Un primo passo sarà effettuare esperimenti nei quali si faranno interagire circuiti fotonici con tessuti neuronali. In questo modo si realizzeranno reti neurali artificiali dove le varie piattaforme (fotoniche, elettroniche e biologiche) verranno integrate per ottimizzare le loro prestazioni. Questo progetto ha un contenuto altamente interdisciplinare".

 

"In questo progetto - prosegue sempre Pavesi, entrando nelle caratteristiche specifiche del progetto - tratteremo la questione fondamentale di quale sia il ruolo dell'attività e della plasticità dei neuroni nell'elaborazione e memorizzazione delle informazioni nel cervello. Svilupperemo una piattaforma di calcolo ibrida: circuiti fotonici integrati saranno interfacciati sia a circuiti elettronici, sia a circuiti di neuroni biologici per emulare le funzioni cerebrali e sviluppare architetture in grado di riprodurre i processi cognitivi neuronali".

 

«La visione a lungo termine - conclude infine il professore - è che le reti fotoniche neuromorfiche ibride, tra le varie cose, chiariranno il modo in cui il cervello pensa e controlleranno e integreranno specifiche funzioni neuronali offrendo quindi soluzioni nuove a una serie di problemi neurologici».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 aprile - 06:01

In questi giorni, complici le festività di Pasqua, sarebbe dovuta partire la volata per entrare a pieno regime nella stagione estiva. Ma si naviga giocoforza a vista nell'incertezza generale, si cercano strategia e si ragiona sul futuro. Il presidente di Asat, Gianni Battaiola: "Ancora troppo incognite. Intanto puntiamo sulla formazione, non perdiamo i contatti con i clienti e analizziamo il mercato. Ma tanto dipende dalle norme di salute pubblica"

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato