Contenuto sponsorizzato

Ambulante schiacciato dal suo furgone. Perde la vita un 66enne che stava andando al lavoro

Il terribile incidente è avvenuto a Borso del Grappa. L'uomo, Dario Gasparin, stava caricando il suo mezzo per poi andare a vendere formaggi e prodotti alimentari 

Pubblicato il - 13 novembre 2019 - 13:17

BORSO DEL GRAPPA. Si chiamava Dario Gasparin. E' lui la vittima del terribile incidente mortale avvenuto ieri mattina a Borso del Grappa: schiacciato dal suo furgone di generi alimentari parcheggiato in leggera salita fuori dalla sua abitazione. L'uomo, un ambulante di 66 anni, era appena uscito di casa e stava terminando di caricare il suo furgone con i vari formaggi che poi vendeva nei mercati. Doveva recarsi in un vicino paese del vicentino per fare il suo lavoro quando il mezzo si è mosso.

 

Forse un guasto meccanico, forse il freno a mano che non ha tenuto. Sta di fatto che il furgone si è messo in movimento travolgendolo e schiacciandolo contro un muretto. A dare l'allarme è stata la moglie che lo ha trovato esanime incastrato tra il cassone del mezzo e il muro. Sul posto sono arrivati i medici del Suem di Crespano ma al loro arrivo non c'era più niente da fare. Gasparin era senza vita, morto sul colpo per le gravissimi lesioni riportate dall'incidente.

 

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Pieve del Grappa per le indagini e per appurare la dinamica dell'accaduto. Lascia la moglie e il figlio oltre che una comunità intera che lo conosceva e lo stimava come gran lavoratore. Una tragedia simile a quella avvenuto poche settimana fa a Malcesine a un corriere della Bartolini trasporti (QUI ARTICOLO). Anche in quel caso il furgone era stato parcheggiato in leggera salita e il movimento del mezzo non ha lasciato scampo all'uomo 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 17:04

Sulle piste da sci Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Bolzano, Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, chiedono un passo indietro al Governo: “Senza l’apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l’intera stagione”

25 novembre - 11:08

Per la giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo la lettera di Erika Perraro, sorella di Eleonora brutalmente uccisa tra il 4 e il 5 settembre 2019 a Nago. Una lettera dura che chiede un cambio di passo e di approccio al problema della violenza sulle donne. Perché i convegni e le promesse dei politici (che ogni 25 novembre si assomigliano ciclicamente) sono importanti ma la realtà vuole risposte diverse, rapide ed efficaci perché per troppe donne il tempo da perdere, purtroppo, è già finito

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato