Contenuto sponsorizzato

Circa 6 mila metri cubi di fango incombono sul paese sfollato nel bellunese. Nuovi distacchi e accelerazioni del movimento

I 17 abitanti sono stati evacuati già domenica scorsa, mentre nella giornata di ieri alcuni cittadini sono riusciti a far rientro nell'abitazione per recuperare alcuni effetti personali. La colata si sposta tra i 5 e 7 centimetri all'ora lungo la strada provinciale, che resta ovviamente chiusa per ragioni di sicurezza

Pubblicato il - 14 maggio 2019 - 19:55

ALPAGO. La frana continua a incombere su Schiucaz nel comune di Alpago nel bellunese. La colata si sposta tra i 5 e 7 centimetri all'ora lungo la strada provinciale, che resta ovviamente chiusa per ragioni di sicurezza.

 

I 17 abitanti sono stati evacuati già domenica scorsa, mentre nella giornata di ieri alcuni cittadini sono riusciti a far rientro nell'abitazione per recuperare alcuni effetti personali

Il paese potrebbe restare deserto per ancora molti giorni in quanto i circa 6 mila metri cubi di fango e detriti continuano a muoversi. 

 

Il fronte della colata sta deformando la provinciale che si trova a monte della frazione nel tratto Fail. Proprio il muro di sostegno dell'arteria sostiene e contrasta la frana, anche se l'allerta resta massima in quanto ieri ci sono stati nuovi distacchi e accelerazioni del movimento.

 

E' sempre aperto il Centro operativo per l'emergenza, che oggi, martedì 14 maggio, ha delineato le attività di medio e lungo periodo, ma soprattutto il piano per uscire quanto prima da questa fase emergenziale. 

 

La macchina della Protezione civile, i vigili del fuoco, le forze dell'ordine, alpini e associazione nazionale carabinieri. continuano a presidiare e monitorare l'area, resta attivo anche il servizio di anti-sciacallaggio notturno.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato