Contenuto sponsorizzato

Circa 6 mila metri cubi di fango incombono sul paese sfollato nel bellunese. Nuovi distacchi e accelerazioni del movimento

I 17 abitanti sono stati evacuati già domenica scorsa, mentre nella giornata di ieri alcuni cittadini sono riusciti a far rientro nell'abitazione per recuperare alcuni effetti personali. La colata si sposta tra i 5 e 7 centimetri all'ora lungo la strada provinciale, che resta ovviamente chiusa per ragioni di sicurezza

Pubblicato il - 14 May 2019 - 19:55

ALPAGO. La frana continua a incombere su Schiucaz nel comune di Alpago nel bellunese. La colata si sposta tra i 5 e 7 centimetri all'ora lungo la strada provinciale, che resta ovviamente chiusa per ragioni di sicurezza.

 

I 17 abitanti sono stati evacuati già domenica scorsa, mentre nella giornata di ieri alcuni cittadini sono riusciti a far rientro nell'abitazione per recuperare alcuni effetti personali


Il paese potrebbe restare deserto per ancora molti giorni in quanto i circa 6 mila metri cubi di fango e detriti continuano a muoversi. 

 

Il fronte della colata sta deformando la provinciale che si trova a monte della frazione nel tratto Fail. Proprio il muro di sostegno dell'arteria sostiene e contrasta la frana, anche se l'allerta resta massima in quanto ieri ci sono stati nuovi distacchi e accelerazioni del movimento.

 

E' sempre aperto il Centro operativo per l'emergenza, che oggi, martedì 14 maggio, ha delineato le attività di medio e lungo periodo, ma soprattutto il piano per uscire quanto prima da questa fase emergenziale. 

 

La macchina della Protezione civile, i vigili del fuoco, le forze dell'ordine, alpini e associazione nazionale carabinieri. continuano a presidiare e monitorare l'area, resta attivo anche il servizio di anti-sciacallaggio notturno.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 12:58

L’appello contro le “liberalizzazioni” volute da Fugatti, parte la campagna “Io la mascherina non la tolgo”. La denuncia: “Sono rimasta esterrefatta quando ho saputo che avrebbero allentato le restrizioni, eliminando l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. È come dire a tutte le persone più deboli di arrangiarsi''

03 December - 12:42

Quanto successo ieri non è uno strappo con Roma ma un atto che la regione avrebbe voluto porre in essere mesi fa ma che non ha potuto fare perché il consiglio era sciolto fino a metà ottobre. Di fatto è stata votata una legge per prendere provvedimenti come ha fatto Bolzano nella Fase-2 e a fine ottobre quando prima ha provato a tenere i bar e ristoranti aperti e poi si è autoproclamata zona rossa. E' un modo di gestire l'autonomia diverso da quello di Trento che non ha mai legiferato in materia e va avanti a ordinanze facilmente sospendibili come successo a fine ottobre

03 December - 11:36

A Capodanno coprifuoco più lungo. Ristoranti e bar possono aprire a pranzo a Natale, Santo Stefano, Capodanno e Epifania. Orario più lungo per i negozi. La cena dell'ultimo dell'anno può essere consumata solo in camera negli hotel

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato