Contenuto sponsorizzato

Colpito più volte con dei cocci di bottiglia, 20enne in condizioni gravissime al Santa Chiara

E' successo attorno alle quattro di questa mattina in piazza Mostra. Il giovane è stato colpito più volte con dei cocci di bottiglia ed è stato trovato a terra dalle forze dell'ordine

Pubblicato il - 11 luglio 2019 - 08:57

TRENTO. Si trova in gravissime condizioni all'ospedale Santa Chiara di Trento il giovane di 20 anni che attorno alle quattro di questa mattina è stato ferito più volte con dei cocci di bottiglia.

 

E' successo a pochi metri dall'entrata di piazza Mostra a Trento. Dalle prime informazioni il ragazzo sarebbe stato vittima di una rissa nel corso dalla quale sarebbe stato ferito su più parti del corpo con dei pezzi di vetro.

 

Sul posto sono arrivati immediatamente i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine. Il giovane si trovava per terra.

 

Sulla vicenda sono in corso le indagini da parte dei carabinieri per cercare di ricostruire quello che è successo e individuare le persone coinvolto.

 

In queste ore sul posto è intervenuta anche la squadra scientifica che sta coadiuvando le indagini attraverso delle analisi dei reperti che sono stati trovati sul posto e la loro classificazione.

Un lavoro, questo, che ha richiamato anche numerosi curiosi in piazza Mostra che hanno seguito l'intervento delle forze dell'ordine.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

26 ottobre - 16:14

L’allarme lanciato da alcuni medici del Santa Chiara: Una situazione di sovraccarico lavorativo cronica, che espone a rischio di sicurezza sia i pazienti che il personale medico”. Degasperi: “Le criticità segnalate erano già state evidenziate un anno fa ma con il passare del tempo si sono acuite, perché nessuno ha fatto nulla?

26 ottobre - 20:41

Secondo Fugatti ci sono ancora “migliaia e migliaia di persone che attendono la cassa integrazione”, ma per il segretario della Cgil è vero solo in parte e soprattutto anche la Provincia è in ritardo: “Dei circa 15 milioni promessi ai lavoratori solo una minima percentuale è stata erogata”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato