Contenuto sponsorizzato

Dagli scivoli alti 9 metri a un generatore di onde, il lido Manazzon si trasforma in un parco acquatico

L'avvio dei lavori che interessano l'area esterna del lido Manazzon è previsto alla fine della prossima estate per arrivare al completamento nel giugno 2021. Il progetto è stato realizzato con il coinvolgimento di Asis e prevede anche una riqualificazione dei sistemi di sanificazione e un aumento di docce e bagni

Di Giuseppe Fin - 08 ottobre 2019 - 16:13

TRENTO. Scivoli d'acqua alti nove metri ma anche uno spray park e un generatore di moto ondoso. Il lido Manazzon di Trento si trasformerà in una sorta di parco acquatico con diverse attrazioni per tutte le età. Il progetto esecutivo per la zona esterna è già stato approvato e i lavori sono previsti per settembre dello scorso anno e termineranno prima dell'inizio dell'estate 2021. Costo complessivo dell'intervento è di 1 milione 675 mila.

 

In questi ultimi anni l'amministrazione comunale sta portando avanti un articolato programma che prevede la progettazione e la successiva realizzazione di una nuova struttura natatoria coperta, nella zona delle Ghiaie a Trento Sud, che conterrà una vasca da 50 metri ed una vasca per tuffi con trampolini e piattaforma, destinata a sostituire l'attuale piscina coperta di via Fogazzaro (vasca da 25 metri) e la vasca da 50 metri attualmente ubicata nel Lido Manazzon.

 

Oltre a questo vi sarà poi la chiusura della piscina coperta da 25 metri nel complesso di via Fogazzaro e la realizzazione di una vasca esterna con diverse funzioni.

 

Tra gli interventi vi è anche quello di riqualificazione della parte esterna del lido Manazzon che, dopo un'attenta ricognizione sulle strutture all'aperto della città, è stata individuata come la più idonea al soddisfacimento delle esigenze dell'utenza sia in termini di posizione che di superficie e disponibilità di attrezzature.

La prevista realizzazione del nuovo centro natatorio in località Ghiaie rappresenterà di fatto l'alternativa necessaria cui subordinare il riassetto complessivo non del solo lido estivo bensì dell'intero compendio di via Fogazzaro, mirando all'obiettivo di un complesso armonico e funzionale interamente vocato ad attività ludico ricreative e di wellness. Visto la non brevissima tempistica per la realizzazione degli interventi, l'amministrazione ha deciso di portare avanti la riqualificazione dell'area esterna al fine di dotarla di quegli elementi di attrattività in grado intercettare i vari bisogni. Tutto questo tenendo conto che il lido “Manazzon” viene generalmente utilizzato nella stagione estiva da oltre sessantamila utenti.

 

Principalmente le opere riguardano la realizzazione di allestimenti diversificati per natura e caratteristiche al fine di poter incontrare, nelle diverse fasce di età, le aspettative oggi richieste in ambito sia ludico che ricreativo.

 

Nella zona nord-est è prevista un struttura con due scivoli, uno tradizionale e uno ad imbuto, con partenza da 9 metri di altezza con spirali e arrivo in vasca. E' previsto poi un multiscivolo ma anche uno spray park destinato ai più piccoli in ampliamento della piscina baby esistente ed un generatore di moto ondoso artificiale all'interno della vasca da 25 metri.

 

Per gli allestimenti non acquatici è previsto un campo di beach volley con fondo in sabbia e due tavoli da ping pong. Per quanto invece inerente la dotazione dei servizi di supporto, è previsto il potenziamento sia del numero dei servizi igienici esistenti da 6 a 18 unità attraverso una razionalizzazione degli attuali locali, sia la realizzazione di nuovi gruppi doccia da posizionarsi all'aperto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

11 luglio - 09:52

La donna ha effettuato il tampone  nell'attività di screening lavorativo portata avanti sul territorio. E' residente nel feltrino ed è stata immediatamente avviata una indagine epidemiologica. La donna non avrebbe avuto contatti con gli ospiti della struttura e la situazione è sotto controllo

10 luglio - 19:14

L'assessora Segnana rispondendo a una interrogazione di Futura: La Giunta provinciale intende “occuparsi prioritariamente delle tematiche delle pari opportunità tra donne e uomini in linea con quanto delineato nei propri documenti di governo". Il presidente dell'Arcigay del Trentino: "Allarmante che qualcuno chiamato a garantire sicurezza e tutela a tutti i cittadini trentini decida, sulla base di un non meglio precisato principio valoriale, di creare una sorta di gerarchia' nelle classi di cittadini esposti a stigma e discriminazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato