Contenuto sponsorizzato

Danneggiano i punti luce del parco facendo scoppiare i petardi, i vigili del fuoco: ''Serve più rispetto per i beni comuni''

E' successo a Villa Lagarina durante alcuni momenti di festa per Halloween. Alcune persone avrebbero fatto scoppiare i petardi appoggiandoli sui punti luce del parco

Pubblicato il - 01 novembre 2019 - 10:15

VILLA LAGARINA. Non solo divertimento durante i vari momenti di festa che si sono tenuti ieri sera in occasione di Halloween. Dopo l'incendio scoppiato ad Arco che ha visto un'isola ecologica avvolta dalle fiamme (QUI L'ARTICOLO) anche a Villa Lagarina non sono mancati i danni.

 

Questa volta è successo nel parco che si trovava vicino alla chiesa del paese. Alcune persone, infatti, avrebbero utilizzato i punti luci presenti per far scoppiare dei petardi provocandone gravi danni e vetri infranti.


Sul posto ad operare i vigili del fuoco di Villa Lagarina che non hanno potuto far altro che raccogliere i petardi e gli eventuali vetri sparsi per terra per evitare pericoli.


Il Corpo dei Vigili del Fuoco volontari di Villa Lagarina, visto quello che è accaduto, ha voluto anche lanciare alla cittadinanza un richiamo a fare "attenzione sull'importanza dell'educazione al senso civico e del rispetto dei beni comuni".


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 gennaio - 08:06

La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo. Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio

17 gennaio - 20:47

E' un momento difficile per gli apicoltori in val di Sole. Un orso non è ancora andato in letargo e quindi è in costante ricerca di cibo. Nel mirino le arnie di diversi apicoltori solandri. Sergio Zanella: "Dovrebbe trattarsi dell'esemplare che è stato immortalato cibarsi dai cassonetti dell'immondizia a Bolentina. Siamo preoccupati perché riesce a introdursi negli spazi nonostante i recinti e le protezioni" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato