Contenuto sponsorizzato

Elicottero precipitato sul Lusia, il pilota ha 83 anni. Recuperato il mezzo, accertamenti in corso

L'R44 è stato imbragato con delle fettucce fissate ai pattini e rimosso da un elicottero. Polemica sul volo, ma l'esperto ricorda: ''Solo il pilota può sapere cosa è successo'' (GUARDA IL VIDEO)

Pubblicato il - 02 March 2019 - 20:07

MOENA. È stato imbragato e recuperato l'R44, il leggero monomotore da turismo che è precipitato questa mattina a Bellamonte, vicino alle piste del Lusia.

 

Ancora impossibile dire con precisione cosa sia successo, visto che proseguiranno anche nei prossimi giorni i rilievi volti a ricostruire l'accaduto. Sembra che il biposto, guidato da un trentino di 83 anni, si stesse apprestando ad atterrare, ma che qualcosa sia andato storto. L'elicottero avrebbe toccato con la pala dell'elica il ramo di una pianta, un incidente che avrebbe accelerato la discesa verso terra trasformandola in una sorta di caduta.

 

L'impatto con il suolo non sarebbe stato dei più semplici. Fortunatamente l'uomo che era alla guida non ha riportato conseguenze. Immediato l'intervento sul posto delle forze dell'ordine, della polizia e dei carabinieri della compagnia di Cavalese, questi ultimi titolari dei rilievi del caso che saranno condotti anche in collaborazione con dei tecnici del volo.

 

Importanti le conseguenze per il monomotore: il rotore principale si è distrutto e anche uno dei pattini d'atterraggio laterali è rimasto gravemente danneggiato. Una serie di problemi che hanno reso necessario, per la rimozione dell'R44, l'intervento di un elicottero del corpo permanente dei vigili del fuoco che ha ancorato e spostato il monomotore dalle nevi del Lusia.

 

In particolare il biposto è stato imbragato con delle fettucce fissate ai pattini e trasportato a valle dall'elicottero. Dove ha trovato un camion che lo ha trasferito nel piazzale dove è stato depositato. Secondo alcune indiscrezioni i danni riportati dal monomotore sarebbero ingenti ma, sembrerebbe, non irrecuperabili.

 

 

(Video Christian Felicetti, Facebook Sostenitori Nucleo Elicotteri Provincia Autonoma di Trento)

 

Un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche, che invece fortunatamente si è risolto senza danni alle persone. Una notizia, però, che ha avuto una forte eco. E, come in questi casi spesso accade, non è mancata nemmeno qualche polemica di chi ha ricordato, citando la normativa provinciale (che sarebbe analoga anche per l'Alto Adige, ma non per il Veneto), che "per i voli privati è necessaria una deroga per decollare o atterrare sopra i 1.600 metri".

 

Polemiche circa le quali è bene precisare che a valutare il piano di volo e ad accertare se vi siano state o meno eventuali infrazioni saranno solo le autorità competenti.

 

"Per fortuna nessuno si è fatto male, questa è la cosa più importante, che non sia successo nulla di grave - dice il gestore della piazzola di Canazei ed esperto Lizio Rizzi - Da collega mi dispiace per il pilota, l'errore nel nostro mestiere è sempre dietro l'angolo. Non so cosa sia successo oggi. Quello che è certo è che, come accade quando ci si mette alla guida di una macchina, solo chi pilota o guida sa cosa fa. In automobile solo il guidatore sa se si ferma in un divieto di sosta o parcheggia in uno stallo per disabile a diritto o meno".

 

Quindi prosegue: "Nessuno può fare delle ipotesi, prima di fare delle polemiche bisognerebbe sentire il pilota perché è lui il comandante dell'aeromobile e solo lui sa cosa è successo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 17:49

Oggi il monitoraggio della Cabina di regina dell'Iss, l'Rt nazionale scende per la prima volta da settimane sotto l'1, cioè a 0,91. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva passa dal 47% al 49%

04 December - 17:33

Da ieri la Provincia ha finalmente iniziato a comunicare i dati complessivi per quanto riguarda la diffusione del contagio sul territorio provinciale, numeri che comprendono i test antigenici

04 December - 16:48

La lite per il parcheggio degenera e un uomo finisce all’ospedale con una vistosa ferita da arma da taglio. L’aggressore è un pensionato di 63 anni, rintracciato grazie alle telecamere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato