Contenuto sponsorizzato

Escursionista attaccata da un cinghiale nell’Alto Garda. Ferita a una gamba è stata soccorsa dall’elicottero

Il gruppo di escursionisti si trovava nella zona fra Monte Maderno e il Pizzocolo, sopra l'abitato di Toscolano, quando sono stati caricati da un cinghiale. I suidi in quella zona causano da sempre non pochi problemi

Cinghiale, fotografia A.Savin, Wikipedia
Pubblicato il - 14 dicembre 2019 - 13:03

TOSCOLANO MADERNO. L’incontro è uno di quelli che si vorrebbe evitare a tutti i costi: un cinghiale infuriato pronto a caricare. Questa però è proprio la disavventura che ha visto coinvolto un gruppo di escursionisti che si trovava nei boschi fra Monte Maderno e il Pizzocolo, che sovrastano il centro abitato di Toscolano Maderno che si affaccia sul Lago di Garda.

 

Il gruppo di amici, partito stamane, è stato attaccato da un suide che è riuscito a ferire una donna alla gamba. Stando alle prime informazioni l’escursionista non sarebbe in pericolo di vita ma lo spavento è stato grande.

 

Una vota dato l’allarme, sul posto sono sopraggiunti i sanitari a quanto pare da Brescia si è levato in volo l’elicottero. Anche i carabinieri di Salò sono stati messi al corrente dell’accaduto e stanno prendendo i provvedimenti del caso.

 

Nella zona dell’Alto Garda, in particolare sulla sponda lombarda i cinghiali stanno causando non pochi problemi, risale a non molto tempo fa l’abbattimento di un esemplare “monstre” del peso di 170 chilogrammi, ucciso nella zona di Gardone di Riviera. Nello stesso posto un branco è stato ripreso più volte mentre passeggiava sulla statale della Gardesana Occidentale e fra le vie dell’abitato

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

Una riforma che viene presentata e spiegata tra le elezioni amministrative. Magari un sindaco può anche essere d'accordo e un successore potrebbe trovarsi a incassare un iter iniziato da altri. Poi c'è la partita operatori. Tra scorporazioni e nuovi assetti si ipotizza uno spezzatino per arrivare a 10 Aziende per il turismo. Il punto di partenza sono 15 Apt e 5 Consorzi Pro loco. Il rischio è di non soddisfare nessuno e vedere nascere Pro loco ovunque

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato