Contenuto sponsorizzato

Il 'Mondo in piazza' torna a raccontare la storia dell'emigrazione trentina. Appuntamento a Malè

In  piazza Regina Elena di Malè si terrà il terzo appuntamento de il “Mondo In Piazza”. Ancora una volta saranno protagoniste tantissime associazioni.  Appuntamento anche con "Storia dell'emigrazione trentina” a cura dei Piani Giovani di Zona di Alta e Bassa Val di Sole

Pubblicato il - 27 giugno 2019 - 20:49

MALE'. Sarà un'altra giornata piena di appuntamenti quella prevista per domani, sabato 29 giugno, a Malè in piazza Regina Elena, con il “Mondo In Piazza”. Un pomeriggio di attività, giochi, informazioni e riflessione sul tema delle migrazioni.

 

Il progetto “Informare conoscere accogliere” è realizzato con il contributo della Provincia Autonoma di Trento e si articola in 8 tappe offerte ad 8 Comuni del Trentino dove si affronta il tema delle migrazioni. I partners sono Acav, Atas, Uisp, Filmwork e noi de Il Dolomiti che seguiremo i vari appuntamenti raccontandovi le tante attività portate avanti sul territorio. Fondamentale sarà anche l'apporto che ad ogni appuntamento porteranno anche i partner locali.

 

La tappa di Malè, che è la terza dopo quella offerta a Flavon nel comune di Contà e a Riva del Garda, sarà realizzata con la collaborazione del comune di Malè e dei Piani Giovani di Zona di Alta e Bassa Val di Sole.

 

A Malè si parlerà di storia dell’emigrazione trentina. Il Trentino è stata terra di emigrazione a più riprese, tra XIX e XX secolo. Le emigrazioni funzionavano come valvola di sfogo alla penuria di risorse presenti nelle valli alpine. Si emigrava per fame. Luoghi privilegiati di questa migrazione furono gli Stati Uniti e il Canada. Ma si trovano ancora famiglie emigrate in Cile, in Svizzera, in Germania negli anni ’60 del ‘900.

 

L'appuntamento, come già detto, è ricco di iniziative. Alle 12 sarà aperto la mostra fotografica di Fabio Bucciarelli con le foto scattate durante la guerra in Libia. A partire dalle 14.30 alle 16.30 ci saranno i giochi in strada riservati ai più piccoli, ma non solo organizzati dagli operatori Uisp. Ci si potrà divertire con calcio, basket e giocoleria.

 

Appuntamento poi dalle 16.30 alle 17.00 con “Storia dell'emigrazione trentina” a cura dei Piani Giovani di Zona di Alta e Bassa Val di Sole. Verrà presentato il progetto “Mi racconti la tua storia?” da Olinda Paesano, realizzatrice del progetto e Marco Podetti, vicesindaco del comune di Commezzadura. Gli interventi saranno trasformati in fumetti da Flavio Rosati, Il Flaviatore, che ci accompagnerà fino alle 18.00.

 

Ci sarà poi uno spazio di aggiornamento sulla situazione ugandese curato da Acav, “Uganda: un modello di accoglienza” e successivamente l'intervento di Raffaele Crocco, presidente dell’associazione 46°parallelo – L’atlante dei Conflitti e delle Guerre del Mondo, dal titolo “Le migrazioni oggi”. Da testi dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo.

 

Dalle 17.45 alle 18.40 lo spettacolo teatrale a cura della compagnia teatrale F.a.r.m. (Fabbrica dei Racconti e della Memoria), “Eisbolé” in piazza Regina Elena.

 

In caso di maltempo il format verrà offerto presso la sala conferenze del comune in piazza Regina Elena.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato