Contenuto sponsorizzato

Inciampa e sbatte la testa sul marciapiede, una 83enne soccorsa in pieno centro storico

L'incidente è successo intorno alle 17.30 tra via Cavour e piazza Santa Maria Maggiore a Trento. La donna stava camminando all'altezza delle casette del Mercatino della solidarietà quando è inciampata per finire a terra e sbattere la testa

Pubblicato il - 27 December 2019 - 18:00

TRENTO. Una donna di 83 anni è inciampata per finire a terra e sbattere violentemente la testa sul marciapiede. E' stata trasportata all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

L'incidente è successo intorno alle 17.30 tra via Cavour e piazza Santa Maria Maggiore a Trento.

 

L'83enne stava camminando all'altezza delle casette del Mercatino della solidarietà quando è inciampata.

 

La donna non è più riuscita a mantenere l'equilibrio, così è finita a terra e ha sbattuto la testa in modo molto forte  sul marciapiede.

 

Immediato l'allarme e subito è arrivata l'ambulanza di Trentino emergenza con il personale sanitario che ha prestato le prime cure all'83enne.

 

L'equipe medica ha immobilizzato e stabilizzato la donna, che poi è stata accompagnata all'ospedale del capoluogo per ulteriori accertamenti e approfondimenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 January - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 January - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato