Contenuto sponsorizzato

La cagnolina Bonnie ritrovata in un bivacco. Spaventata dai botti di Capodanno si era persa nell'Alto Garda

A quasi due mesi e mezzo dalla scomparsa è stata trovata da quattro giovani escursionisti che sono riusciti a leggere sulla medaglietta che aveva il collo il numero dei proprietari. Il veterinario: "Non sarebbe potuta sopravvivere in quelle condizioni ancora per molto"

Pubblicato il - 13 marzo 2019 - 18:41

RIVA DEL GARDA. I cani che amano la propria famiglia e si smarriscono tendono a non arrendersi mai, mettendocela tutta per sopravvivere e cercare di riunirsi ai propri compagni di vita umani. E' il caso della cagnolina Bonnie che dopo essersi smarrita quasi due mesi e mezzo fa è riuscita a riunirsi alla propria famiglia.

 

Una storia, quella di Bonnie, che è iniziata il primo gennaio di quest'anno quando, spaventata da alcuni scoppi di petardi, era scappata per poi non riuscire più a trovare la strada di casa.

 

La cagnolina si trovava con la sua famiglia a spasso sul monte Comer nella zona di Gargnano, comune della provincia di Brescia, nell'Alto Garda. Subito era stato lanciato l'annuncio di smarrimento, ripreso dalla Lav Trentino attraverso i suoi canali social.

 

Erano state organizzate anche delle ricerche sia da parte della famiglia che da alcuni volontari preoccupati della sorti di Bonnie.

 

Le ricerche si erano concentrate anche nella zona di Ledro, a nord rispetto al punto di smarrimento immaginando che Bonnie potesse cercare di trovare la via di casa verso Riva del Garda. Ma in questi casi, sa bene chi ha vissuto questi momenti, il pessimismo prende il sopravvento e la speranza si affievolisce.

 

Nessuno però voleva demordere e le ricerche sono proseguite senza sosta fino a quando, domenica scorsa, è arrivata l'incredibile notizia. La cagnolina Bonnie è stata ritrovata da alcuni giovani escursionisti sulle pendici del monte Stino (Valle Vestino), a nord ovest dal punto di smarrimento, quasi a dimostrazione che Bonnie cercava disperatamente di tornare a casa.

 

Grazie alla medaglietta i quattro ragazzi hanno potuto riconoscerla e portarla a valle per avvisare al telefono la famiglia. Ora Bonnie, molto magra e provata, si gode il calore della sua casa. Secondo il suo veterinario, non sarebbe potuta sopravvivere in quelle condizioni ancora per molto, al massimo un paio di settimane.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato