Contenuto sponsorizzato

La Giunta provinciale corre in aiuto delle chiese danneggiate dalla tempesta Vaia: mette a disposizione 736 mila euro

La decisione è contenuta in una delibera approvata nell'ultima giunta provinciale. L'importo totale copre il 75% della spesa ammessa a contributo

Pubblicato il - 10 luglio 2019 - 16:25

TRENTO. E' di oltre 700 mila euro l'importo che la Provincia di Trento ha messo a disposizione della Chiesa per i danni che alcuni edifici di culto hanno avuto nel corso della tempesta Vaia che si è abbattuta sul Trentino lo scorso ottobre.

 

Nella delibera approvata dalla Giunta nell'ultima seduta viene specificato che per gli interventi sono stati detratti, ove era presente, il rimborso della assicurazione inoltre si è provveduto ad includere, dove necessari, alcuni lavori di completamento da eseguirsi contestualmente alla riparazione dei danni avuti dal maltempo e necessari per il ripristino della funzionalità degli edifici.

 

I lavori finanziati sono quelli alla parrocchia di SS. Pietro e Paolo di Dro con 35.337,69 euro, la parrocchia Madonna delle Grazie a Bedollo con 15.671,15 euro, la parrocchia Santa Croce del Bleggio per 48.723,65 euro, la parrocchia di San Romedio per 18.958,91 euro, la parrocchia di S. Stefano a Romeno per 33.300,07 euro, la parrocchia di San Bartolomeo a Brione per 93.320,95 euro, la parrocchia di San Pietro a Praso per 51.751,86 euro, parrocchia di San Bartolomeo a Daone per 55.444,84 euro, la parrocchia di Santa Giustina a Pieve di Bono per 141.731,86 euro, la parrocchia con S. Agostino a Novaledo per 242.092,67 euro.

 

Complessivamente la giunta ha messo a disposizione 736.333, 65 euro che coprono il 75% della spesa ammessa a contributo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

22 ottobre - 13:03

“Non può esserci nessuna discontinuità con l’esecutivo precedente mantenendo le leggi più rappresentative del governo Lega-M5s”. Così i Dem roveretani chiedono l’abolizione dei decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’interno Matteo Salvini

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato