Contenuto sponsorizzato

La Guardia medica non si presenta e le persone rimangono chiuse fuori dall'ambulatorio. Intervengono i carabinieri

La stessa situazione si è verificata a marzo e anche in quella occasione le persone sono state costrette a chiamare i carabinieri. A muoversi era stata anche l'Azienda sanitaria 

Pubblicato il - 09 luglio 2019 - 08:26

PRIMIERO. E' stato definito un medico fantasma e ora anche recidivo. Ancora problemi al distretto sanitario di Primiero, dopo quelli registrati il 19 marzo di quest'anno quando alcuni utenti avevano trovato le porte chiuse dell’ambulatorio.

 

In quella occasione la guardia medica non si era presentata in servizio senza dare alcun avviso e la vicenda aveva portato l'intervento sia dei carabinieri che dell'Azienda sanitaria. (QUI L'ARTICOLO)

 

L’episodio, però, purtroppo non è rimasto isolato. Il 14 di giugno, infatti, i militari di Primiero San Martino di Castrozza, sono stati nuovamente chiamati da alcuni utenti bisognosi i cure mediche poiché avevano trovato ancora una volta le porte dell’ambulatorio chiuse e la Guardia Medica non era rintracciabile. Lo stesso copione, insomma, di quello che era successo tre mesi prima.

 

I Carabinieri intervenuti sul posto, hanno verificato ancora una volta l’assenza del sanitario, che è stato nuovamente denunciato alla Procura di Trento per interruzione di pubblico servizio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 13:16

L'ex assessore alla salute: ''Bene preoccuparsi di 'attenuare' l’immagine dei morti per Covid nei sacchi neri che sicuramente non è mediaticamente in linea con l’immagine che in Trentino 'siamo lontani dai numeri della primavera.. pochissimi casi in terapia intensiva', però forse spiegare al personale anche quale strategia di politica sanitaria si sta portando avanti e quale modello di riorganizzazione dei reparti, aiuterebbe a lavorare con maggiore serenità e consapevolezza''

29 ottobre - 11:30

In Alto Adige la situazione è molto difficile con centinai di casi al giorno e i decessi in continuo aumento. L'estate di ''non ce n'è Covid'' però pesa sulla percezione della gente e mentre il sistema si trova ad affrontare uno dei momenti più difficili dal dopoguerra e il sistema sanitario torna ad essere in affanno servono anche questi appelli

29 ottobre - 12:27

L'incidente è avvenuto all'altezza del casello di Rovereto Nord in direzione del Brennero. In azione la macchina dei soccorsi, disagi alla viabilità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato