Contenuto sponsorizzato

Ladri acrobati in azione in collina, il quarto tentativo da inizio anno nello stesso caseggiato. Le luci si accendono e il ''colpo'' fallisce

Sono le 23.30 circa di domenica 4 agosto, un malvivente resta in strada e fa finta di telefonare per tenere sotto controllo la situazione, quindi si avvicinano con cappellino e mano a coprire il volto per mettere fuori uso la telecamere di sorveglianza. Poi iniziano la scalata tra un salto e l'altro per raggiungere il balcone

Di Luca Andreazza - 05 agosto 2019 - 11:23

TRENTO. Un altro tentativo di furto in via Salè a Povo. E' il quarto in pochi mesi, i ladri acrobati continuano periodicamente a imperversare in collina a Trento. L'ultimo colpo risale a marzo, quando la coppia di malviventi è entrata in un appartamento dopo aver forzato una finestra per aprire la cassaforte e portare via una pistola, mentre sempre a marzo un altro tentativo era fallito, come a Capodanno. 

 

Anche questa volta, i loro movimenti sono stati documentati dalle telecamere di sorveglianza delle abitazioni vicine e il modus operandi è sempre lo stesso. Due uomini, snelli e atletici, si avvicinano alle case, questa volta hanno raggiunto l'obiettivo attraverso il nucleo nuovo di abitazioni. 

 

Sono le 23.30 circa di domenica 4 agosto, un malvivente resta in strada e fa finta di telefonare per tenere sotto controllo la situazione, quindi si avvicinano con cappellino e mano a coprire il volto per mettere fuori uso la telecamere di sorveglianza. Poi iniziano la scalata tra un salto e l'altro per raggiungere il balcone.

 

Una volta sul pianerottolo al primo piano hanno tentato di forzare le finestre per introdursi nell'appartamento. Questa volta però il colpo non è fortunatamente riuscito, le luci si sono accese e così i ladri si sono dovuti dare alla fuga. Si sono dileguati in pochissimi minuti senza lasciare tracce.

 

A quasi quattro mesi di distanza i malviventi si sono ripresentati in via Salè. Ladri molto spregiudicati, se si pensa che nella notte di Capodanno, la scena era stata identica. In quel caso al piano terra le luci erano addirittura accese e si stava svolgendo una festa per l'ultimo dell'anno.

 

La coppia di ladri si è prima avvicinata a quell'appartamento per guardare cosa stessero facendo le persone all'interno e poi, intorno alle 23.30, ha messo in azione lo stesso piano di martedì scorso. Uno è rimasto sulla stradina, l'altro si è lanciato sul balcone dell'appartamento del tentato furto di due sere e poi ha fatto un altro salto per raggiungere il terrazzo dell'appartamento vicino.

 

Anche in quel caso, però, il colpo non è andato a segno. Mentre l'uomo ha cominciato a scardinare le finestre per entrare la signora che abita all'interno ha sentito i rumori, ha acceso la luce e lo ha messo in fuga. Risultato: quattro colpi identici tentati su due appartamenti vicini ma andati male per i ladri. Al tempo stesso, però, sono stati notevoli i danni fatti a infissi e serrature delle finestre.

 

I proprietari dell'appartamento hanno sporto denuncia e le forze dell'ordine hanno avviato le indagini, il servizio di videosorveglianza ha documentato la serata dei ladri. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 05:01

Le esternazioni del presidente del Mart, come quella sul Covid-19 e "Il virus del buco del culo" o "L'evasore fiscale è un patriota", erano state oggetto di diverse interrogazioni da parte delle minoranze. Consiglieri bollati dal critico d'arte come "depensanti" in qualche occasione e che non ha mai mancato di rispondere, anche duramente, alle varie sollecitazioni

30 settembre - 16:13

La Polizia locale ha voluto ribadire la propria posizione. Lo skateboard era dotato di motore elettrico, motivo per cui assumeva le caratteristiche di veicolo a motore per il quale il codice della strada richiede l’obbligo di immatricolazione, con rilascio del relativo certificato di circolazione

01 ottobre - 08:43

L’allarme è scattato nel pomeriggio ma quando i soccorritori sono arrivati sul posto per Michele Paolazzi non c’era più nulla da fare. Il 37enne è deceduto dopo essere stato colpito da un malore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato