Contenuto sponsorizzato

Obiettivo 30mila panettoni: l'Ana sostiene il rimboschimento a Tenna per la creazione di un “Bosco della Memoria”. Merler: “Un luogo per ricordare tutti i caduti”

Tra i quattro progetti promossi con il ricavato della vendita di pandori e panettoni, ce n'è uno che affianca alle finalità ambientali la volontà di commemorare tutti i caduti delle guerre. Il 'Bosco della memoria', costruito su tre ettari sul colle di Tenna, ospiterà 19 sculture in legno per ricordare chi combatté per il territorio trentino, a prescindere dal colore della divisa

Di Davide Leveghi - 18 December 2019 - 18:47

TRENTO. Continua la vendita di panettoni e pandori targati Associazione nazionale degli alpini. La campagna “Adotta un pino”, giunta alla seconda edizione dopo il lancio dello scorso anno – sulla scia di Vaia – punta a sfondare la quota di 30mila pezzi venduti. Con il ricavato, gli alpini si impegnano a collaborare in progetti di rimboschimento, in particolare laddove, sul colle di Tenna, il passaggio della tempesta ha lasciato un cimitero di alberi.

 

Assieme al Comune valsuganotto e alla sezione di Pergine del Corpo forestale, l'Ana si è impegnata ad alzare il tiro, facendo di un'opera tutta ambientale un luogo di commemorazione dei caduti delle guerre. “Il Trentino è territorio dalla storia particolare – ricorda Renzo Merler, vicepresidente della sezione di Trento dell'Ana – e per questo abbiamo deciso di proseguire nella linea inaugurata all'Adunata di commemorazione di tutti i caduti, a prescindere dalla divisa che indossavano. Il 'Bosco della Memoria' di Tenna sarà diviso in 19 zone corrispondenti alla divisione delle sottosezioni alpine. Ognuna di questa è invitata a dar vita ad un'opera d'arte in legno”.

 

“Ma non è tutto – continua – nel bosco vi saranno un percorso sbarrierato aperto anche ai disabili, 3 belvedere su Pergine, il lago di Levico e la pineta e un sentiero più impegnativo che costeggia il bordo dei 3 ettari di bosco, contenente dei 'punti di meditazione' in cui è possibile vivere il bosco”.

 

Il bosco, nato sulle “ceneri” della pineta d'Alberé, spazzata via dalla furia di Vaia, verrà costruito in comune accordo da alpini, corpo forestale e Comune di Tenna; il presidio, invece, affidato al gruppo Ana del paese. Tutto finanziato con la vendita dei panettoni, decisamente avviata verso il traguardo sperato.

 

L'anno scorso la vendita ebbe molto successo – racconta Merler – tanto che si raggiunsero 27mila pezzi. Quest'anno siamo oltre ai 28mila e puntiamo dritti ai 30mila. Il progetto del 'Bosco della Memoria' rappresenta decisamente quello più oneroso. Il nostro lavoro di volontariato, però, ha permesso di tagliare i costi. Un'ingegnera, Debora Cont, ci ha messo ad esempio a disposizione le sue competenze gratuitamente. Ma Tenna non è l'unico progetto in ballo”.

 

“Accanto al bosco, stiamo lavorando per il ripristino del parco faunistico Vanoi, per il rifacimento del tetto della chiesa di Santa Maria di Nives e per la ricostruzione della cappella degli alpini di Predazzo, sulla quale stiamo discutendo con la Magnifica Comunità di Fiemme. Ma i progetti non finiscono qua – chiosa Merler – ce ne sono stati sottoposti altri molto interessanti. Prima chiudiamo quest'anno e poi vedremo, se avanza qualcosa, di utilizzarli in altre iniziative”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 January - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

20 January - 21:34

Dopo la distruzione del suo rifugio Pian dei Fiacconi, il gestore Guido Trevisan aveva un'idea precisa: ricostruire in armonia con la natura e l'ambiente circostante. Purtroppo c'è chi sta cercando di portargli via quel sogno. Le parole di Trevisan: "Non considero giusto sfruttare una catastrofe per perseguire interessi personali, molti pensano che sia ora di cambiare direzione e io penso che l'unica via sia quella di adattare le nostre abitudini all'ambiente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato