Contenuto sponsorizzato

Scivola e si spara al volto, muore un cacciatore di 80 anni

E' avvenuto questa mattina nella zona boschiva in località Castello ad Arzignano e secondo le prime informazioni si sarebbe trattato di un tragico incidente. A lanciare l'allarme un altro cacciatore che ha sentito partire un colpo e si è insospettito, così ha chiamato i soccorsi

Pubblicato il - 21 ottobre 2019 - 18:48

ARZIGNANO. Un cacciatore è scivolato e si è sparato al volto. Soccorso e trasportato in gravissime condizioni all'ospedale di Vicenza, l'80enne è morto poche ore dopo.

 

E' avvenuto questa mattina nella zona boschiva in località Castello ad Arzignano e secondo le prime informazioni si sarebbe trattato di un tragico incidente.

 

A lanciare l'allarme un altro cacciatore che ha sentito partire un colpo e si è insospettito, così ha chiamato i soccorsi. Immediato l'arrivo dell'ambulanza, mentre da Verona si è levato in volo l'elicottero

 

Il personale sanitario ha prestato le cure al ferito. Le condizioni dell'80enne sono apparse fin da subito gravissime e in ospedale è stato ricoverato nel reparto di rianimazione

 

Il cacciatore non ha mai ripreso conoscenza e nel giro di poche ha perso la vita, fatali i pallini che l'hanno colpito al volto, soprattutto tra gola e mento. 

 

Le indagini e i rilievi sono affidate ai carabinieri di Arzignano, ma la pista più probabile sarebbe quella del drammatico incidente. 

 

Secondo una prima ricostruzione, l'80enne era all'interno del suo capanno, quando sarebbe scivolato sul terreno reso con il fucile in mano.

 

A quel punto è partito il colpo ha investito il cacciatore in pieno volto. Vani, come anticipato i soccorsi, l'80enne si è spento in ospedale

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 11:47

Mentre in questi giorni si è assistito a qualcosa di farsesco con i gilet arancioni scesi in piazza per dire che il coronavirus non esiste, che vogliono la lira e dicono no al 5G, con le proteste, separate dai primi, di Casa Pound e altri gruppi di estrema destra, domani si annunciano altre manifestazioni (con Lega e Fratelli d'Italia). Salvini oggi polemizza perché non gli viene concesso di deporre una corona all'Altare della Patria ma l'anno scorso, quando poteva farlo perché era istituzione, non aveva partecipato

01 giugno - 06:01

Il lockdown non ha fermato i giovani e il loro impegno per il futuro: i pensieri dei ragazzi e il loro lavoro con gli insegnanti è continuato e c’è stata la possibilità di portare a conclusione progetti cominciati prima della chiusura delle scuole. Ecco la lettera con le proposte della seconda media. La prof: ''Aspetteremo la risposta, poiché speriamo di venire presi in considerazione e, quando la riceveremo la condivideremo anche con i vostri lettori''

01 giugno - 10:21

Questo pomeriggio è previsto un incontro in videoconferenza tra associazioni e istituzioni per cercare di mettere in campo delle soluzioni. Intanto, però, già ieri in tanti sono finiti in strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato