Contenuto sponsorizzato

Scivola e si spara al volto, muore un cacciatore di 80 anni

E' avvenuto questa mattina nella zona boschiva in località Castello ad Arzignano e secondo le prime informazioni si sarebbe trattato di un tragico incidente. A lanciare l'allarme un altro cacciatore che ha sentito partire un colpo e si è insospettito, così ha chiamato i soccorsi

Pubblicato il - 21 ottobre 2019 - 18:48

ARZIGNANO. Un cacciatore è scivolato e si è sparato al volto. Soccorso e trasportato in gravissime condizioni all'ospedale di Vicenza, l'80enne è morto poche ore dopo.

 

E' avvenuto questa mattina nella zona boschiva in località Castello ad Arzignano e secondo le prime informazioni si sarebbe trattato di un tragico incidente.

 

A lanciare l'allarme un altro cacciatore che ha sentito partire un colpo e si è insospettito, così ha chiamato i soccorsi. Immediato l'arrivo dell'ambulanza, mentre da Verona si è levato in volo l'elicottero

 

Il personale sanitario ha prestato le cure al ferito. Le condizioni dell'80enne sono apparse fin da subito gravissime e in ospedale è stato ricoverato nel reparto di rianimazione

 

Il cacciatore non ha mai ripreso conoscenza e nel giro di poche ha perso la vita, fatali i pallini che l'hanno colpito al volto, soprattutto tra gola e mento. 

 

Le indagini e i rilievi sono affidate ai carabinieri di Arzignano, ma la pista più probabile sarebbe quella del drammatico incidente. 

 

Secondo una prima ricostruzione, l'80enne era all'interno del suo capanno, quando sarebbe scivolato sul terreno reso con il fucile in mano.

 

A quel punto è partito il colpo ha investito il cacciatore in pieno volto. Vani, come anticipato i soccorsi, l'80enne si è spento in ospedale

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 novembre - 19:43

La miccia si accende per il post su Facebook di un allevatore del perginese. Da lì le risposte piccate dei sindaci di Frassilongo e Pergine con quest'ultimo che rimuove tutto. A far da paciere il primo cittadino di Palù, che però si toglie qualche sassolino

11 novembre - 19:37

Il partito secessionista ha celebrato l'anniversario dell'arrivo delle truppe italiane al Brennero apponendo sul cippo di confine un sacco con una scritta rivendicativa. "Il Brennero è e resterà un confine ingiusto che ha diviso il Tirolo, incatenando i sudtirolesi a uno stato straniero, al quale non volevano appartenere". Non è la prima volta che il confine italo-austriaco finisce al centro delle iniziative della Südtiroler Freiheit

11 novembre - 13:46

Il blocco di una corsa avvenuto settimana scorsa nei pressi di Mezzana aveva spinto la consigliera Lucia Coppola a depositare un'interrogazione per comprendere le motivazioni e gli eventuali problemi di manutenzione. Questioni che da Trentino Trasporti vengono considerate però imprevedibili e dovute a condizioni meteorologiche eccezionali 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato