Contenuto sponsorizzato

Spaccia a 16 anni, arrestato al parco Santa Chiara di Trento

La pattuglia dei carabinieri si è insospettita dall'atteggiamento del giovane. I militari hanno fermato e identificato il 16enne, trovato in possesso di hashish già divisa in dosi e pronta per essere ceduta

Pubblicato il - 14 gennaio 2019 - 16:53

TRENTO. E' stato arrestato per spaccio dai carabinieri di Trento. Nei guai un minorenne per il possesso di 24 grammi di hashish.

 

E' successo intorno alle 16 di domenica 13 gennaio. Un 16enne tunisino è stato "pizzicato" al parco Santa Chiara. Alla vista della pattuglia, il ragazzo ha cercato di allontanarsi senza dare nell'occhio, ma i carabinieri si sono insospettiti.

 

I militari, allarmati, dall'atteggiamento ambiguo, hanno subito raggiunto e fermato il ragazzo. Dopo l'identificazione, i carabinieri hanno trovato i 24 grammi di hashish suddiviso in 17 dosi pronte per essere vendute.

 

Il giovane, alla luce di quanto emerso, è stato arrestato e accompagnato in una comunità, mentre lo stupefacente è stato sequestrato per i successivi accertamenti.

 

Il tutto è, ovviamente, a disposizione dell’Autorità giudiziaria per i minorenni trentina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato