Contenuto sponsorizzato

Spaccia a 16 anni, arrestato al parco Santa Chiara di Trento

La pattuglia dei carabinieri si è insospettita dall'atteggiamento del giovane. I militari hanno fermato e identificato il 16enne, trovato in possesso di hashish già divisa in dosi e pronta per essere ceduta

Pubblicato il - 14 gennaio 2019 - 16:53

TRENTO. E' stato arrestato per spaccio dai carabinieri di Trento. Nei guai un minorenne per il possesso di 24 grammi di hashish.

 

E' successo intorno alle 16 di domenica 13 gennaio. Un 16enne tunisino è stato "pizzicato" al parco Santa Chiara. Alla vista della pattuglia, il ragazzo ha cercato di allontanarsi senza dare nell'occhio, ma i carabinieri si sono insospettiti.

 

I militari, allarmati, dall'atteggiamento ambiguo, hanno subito raggiunto e fermato il ragazzo. Dopo l'identificazione, i carabinieri hanno trovato i 24 grammi di hashish suddiviso in 17 dosi pronte per essere vendute.

 

Il giovane, alla luce di quanto emerso, è stato arrestato e accompagnato in una comunità, mentre lo stupefacente è stato sequestrato per i successivi accertamenti.

 

Il tutto è, ovviamente, a disposizione dell’Autorità giudiziaria per i minorenni trentina.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 marzo - 19:01

Non è solo una questione di prezzo, la filosofia dell'accoglienza è simile a quelle delle strutture extralberghiere, cioè la famigliarità di un agriturismo oppure di un bed and breakfast. Questaè una forma di ospitalità turistica pensata per i centri storici. Una soluzione che crea un 'senso di vicinato', risparmia l'ambiente e valorizza gli edifici già esistenti

20 marzo - 13:55

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

20 marzo - 17:13

La correlazione evidenziata nello studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della National university of Singapore. Bastano 300 grammi, appena due porzioni a settimana, per dimezzare il rischio di sviluppare un disturbo cognitivo minore dopo i 60 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato