Contenuto sponsorizzato

Terremoto al Mugello, gente spaventata in strada ed edifici lesionati. Stop ai treni

Un terremoto di magnitudo 4,5 è stato registrato a Scarperia San Piero, in provincia di Firenze, nel Mugello. Sono in corso verifiche dei vigili del fuoco su alcuni edifici lesionati. Per oggi in diverse zone scuole chiuse 

Pubblicato il - 09 December 2019 - 07:47

FIRENZE. Sono stati attimi di paura quelli vissuti questa notte dalla popolazione in alcune zone della Toscana. Un terremoto di magnitudo 4,5 è stato registrato a Scarperia San Piero, in provincia di Firenze, nel Mugello.

 

E' successo alle 4,37 della notte e poco prima la terra aveva iniziato a tremare con diverse scosse di intensità inferiore, una delle quali di magnitudo 3,4.

 

La scossa di magnitudo 4.5 è stata nettamente avvertita anche nella città di Firenze. Nelle zone dell'epicentro ci sarebbero edifici lesionati e sono in corso le verifiche da parte dei vigili del fuoco.

 

Oggi, intanto, scuole chiuse a Borgo San Lorenzo, Barberino e Vicchio. Chiusi anche gli asili comunali. Stop anche al traffico ferroviario. I treni dalle 4.36 sono stati bloccati per alcuni controlli sulla linea dopo l'evento sismico. Le linee coinvolte sono quelle di Firenze, Bologna alta velocità, Firenze -Prato convenzionale, Firenze-Borgo San Lorenzo via Vaglia e via Pontassieve, Prato-Pistoia, Firenze-Empoli-Pisa.

 

La serie di scosse



 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 January - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

19 January - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato