Contenuto sponsorizzato

Terremoto al Mugello, gente spaventata in strada ed edifici lesionati. Stop ai treni

Un terremoto di magnitudo 4,5 è stato registrato a Scarperia San Piero, in provincia di Firenze, nel Mugello. Sono in corso verifiche dei vigili del fuoco su alcuni edifici lesionati. Per oggi in diverse zone scuole chiuse 

Pubblicato il - 09 dicembre 2019 - 07:47

FIRENZE. Sono stati attimi di paura quelli vissuti questa notte dalla popolazione in alcune zone della Toscana. Un terremoto di magnitudo 4,5 è stato registrato a Scarperia San Piero, in provincia di Firenze, nel Mugello.

 

E' successo alle 4,37 della notte e poco prima la terra aveva iniziato a tremare con diverse scosse di intensità inferiore, una delle quali di magnitudo 3,4.

 

La scossa di magnitudo 4.5 è stata nettamente avvertita anche nella città di Firenze. Nelle zone dell'epicentro ci sarebbero edifici lesionati e sono in corso le verifiche da parte dei vigili del fuoco.

 

Oggi, intanto, scuole chiuse a Borgo San Lorenzo, Barberino e Vicchio. Chiusi anche gli asili comunali. Stop anche al traffico ferroviario. I treni dalle 4.36 sono stati bloccati per alcuni controlli sulla linea dopo l'evento sismico. Le linee coinvolte sono quelle di Firenze, Bologna alta velocità, Firenze -Prato convenzionale, Firenze-Borgo San Lorenzo via Vaglia e via Pontassieve, Prato-Pistoia, Firenze-Empoli-Pisa.

 

La serie di scosse


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato