Contenuto sponsorizzato

Terremoto in Toscana, continua la paura. In alcune zone scuole chiuse. Nella notte scossa anche a Verona

Nella notte una scossa di terremoto è stata avvertita anche in provincia di Verona. Intanto in Toscana continua lo sciame sismico, oggi scuole chiuse a Borgo San Lorenzo, Marradi, Barberino e Vicchio. Chiusi anche gli asili comunali

Pubblicato il - 09 dicembre 2019 - 10:13

TRENTO. Prosegue lo sciame sismico in Toscana con numerose scosse che si stanno avvertendo soprattutto tra Scarperia e San Piero e Barberino di Mugello, in provincia di Firenze.

 

La scossa più forte si è avuta alle 4.37 con magnitudo 4.5 ed è stata avvertita chiaramente a Firenze, Prato, Pistoia, Empoli, San Miniato e Montecatini, ma anche a Bologna, Perugia, Siena e Pisa.

 

In tanti hanno trascorso il resto della notte in macchina e non sono mancati anche le lesioni a diversi edifici. Al momento i vigili del fuoco sono al lavoro per verificare la situazione ed eventuali altri danni. Oggi scuole chiuse a Borgo San Lorenzo, Marradi, Barberino e Vicchio. Chiusi anche gli asili comunali.

 

Un scossa di terremoto, secondo quanto riporta l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, si è avuta alle 3.29 di questa notte a Vigasio in provincia di Verona con una magnitudo di 3.2.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 15:20

Enorme cordoglio in Trentino, così come in tutto il mondo alpinistico. Si è spento Cesare Maestri, il "Ragno delle Dolomiti"

19 gennaio - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 gennaio - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato