Contenuto sponsorizzato

Traffico internazionale di droga, maxi operazione della Guardia di Finanza di Venezia. Perquisizioni anche a Bolzano

Le Fiamme gialle sono riuscite a smantellare un vasto traffico di sostanze stupefacenti che si snodava dall’approvvigionamento delle partite di droga in Olanda fino al minuto spaccio

Pubblicato il - 10 dicembre 2019 - 19:27

TRENTO. Associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Questo il reato a cui dovranno rispondere a vario titolo 32 soggetti finiti dal centro dell'operazione avviata dalla Guardia di Finanza di Venezia e che ha portato per ognuno dei provvedimenti restrittivi della libertà personale.

 

L’esecuzione delle misure cautelari e le connesse perquisizioni domiciliari hanno interessato anche la provincia di Bolzano assieme a Venezia, Padova, Vicenza, Treviso, Milano, Bergamo, Brescia e Pavia.

 

I provvedimenti, emessi a seguito delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria e del I Gruppo di Venezia e dirette dalla locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, hanno riguardato la custodia cautelare in carcere per 10 persone, il divieto di dimora nella provincia di Venezia per altre 17, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per 4 persone e il divieto di dimora nella provincia lagunare congiuntamente all’obbligo di presentazione per il restante soggetto.

 

L’indagine, avviata nel 2016, è partita dagli approfondimenti svolti a seguito di alcuni sequestri di cocaina, marijuana e hashish operati nel centro storico di Venezia nei confronti di soggetti di nazionalità marocchina.

 

Gli ulteriori approfondimenti, eseguiti mediante intercettazioni telefoniche ed ambientali oltre alle tradizionali attività di riscontro ed osservazione sul territorio e con il supporto tecnico dello SCICO, hanno portato al sequestro, in prossimità del casello autostradale di Mestre e in varie località delle province di Venezia e Padova, di alcuni carichi di cocaina e di hashish destinata al mercato veneziano e all’arresto degli spacciatori.

 

I conseguenti sviluppi investigativi hanno condotto alla ricostruzione di una ramificata organizzazione criminale composta da cittadini albanesi ed italiani con base a Marghera che gestiva, in maniera strutturata e capillare grazie anche ad una meticolosa suddivisione dei ruoli, un vasto traffico di sostanze stupefacenti che si snodava dall’approvvigionamento delle partite di droga in Olanda fino al minuto spaccio nel centro storico e nella provincia di Venezia.

 

Le complessive attività svolte hanno consentito di denunciare 45 soggetti, dei quali 32 destinatari dei provvedimenti eseguiti in data odierna e altri 9 arrestati in flagranza nel corso delle indagini, per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, sequestrare circa 20 chilogrammi di cocaina, marijuana e hashish ed accertarne l’avvenuto consumo di altri 50 chilogrammi. All’esito di mirati accertamenti patrimoniali è stato altresì sequestrato denaro contante per oltre 117.000 euro, costituente parte del profitto del traffico illecito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 13:14

La decisione è stata presa dal Consiglio di Amministrazione della società. Ci sarà il ricorso agli ammortizzatori sociali per il personale giornalistico

15 January - 13:37

Secondo l'ultimo monitoraggio, in provincia di Trento continueranno a vigere le misure da "zona gialla". L'indice Rt si mantiene infatti al di sotto dell'1 (0.95), "moderato ma ad alto rischio di progressione". L'Alto Adige in "zona rossa", così come la Lombardia. Il Veneto "arancione" nonostante i dati 

15 January - 10:55

La Provincia di Bolzano torna sui suoi passi riguardo la decisione di riaprire le piste ai soli residenti. Spaventa il possibile "no ai ristori" del governo in caso di apertura. L'esempio della Valle d'Aosta inoltre incentiva a non seguire una strada destinata a fallire fin dal principio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato