Contenuto sponsorizzato

Tragedia a Mezzano, automobile giù nel dirupo. La vittima è Renata Zanin

La 75enne di Feltre era in Trentino dove aveva un maso. A notare la macchina 30 metri sotto la strada un passante che ha dato l'allarme, ma per l'automobilista non c'era più nulla da fare

Pubblicato il - 08 giugno 2019 - 09:28

MEZZANO. È la signora Renata Zanin di Feltre la vittima del tragico incidente che si è verificato venerdì pomeriggio tra Mezzano e San Giovanni (qui articolo).

 

Tutto è successo un chilometro circa sopra il paese. Alle 17.30 circa è scattato l'allarme, dato da un passante che ha notato delle tracce che finivano in un dirupo. E proprio lì in fondo alla scarpata, oltre gli alberi, una trentina di metri sotto, avrebbe scorto la macchina, una Honda Crv, della 75enne di Feltre.

 

Sul posto si sono portati in poco tempo i soccorritori, i carabinieri di Primiero per i rilievi, i vigili del fuoco volontari di Mezzano con un'ambulanza e l'elicottero sanitario. A nulla però sono purtroppo serviti i tentativi di salvare la vita di Zanin.

 

 

L'incidente sarebbe avvenuto, secondo una prima ricostruzione, mentre la 75enne (che lascia marito e tre figli) scendeva dalla strada della chiesa di San Giovanni. Un tornante e l'automobilista avrebbe perso il controllo del mezzo, finendo nel dirupo sottostante e cadendo per decine di metri.

 

Il corpo della donna è stato ricomposto nella camera mortuaria e la sua automobile recuperata dai vigili del fuoco. Per Mezzano (il paese che la signora Renata amava e dove trascorreva dei periodi di nella sua baita) e Feltre oggi è il giorno del dolore.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 giugno - 22:13

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei

26 giugno - 21:03

Dal Comune all'Apt, da Trentino Marketing alla Provincia, c'è grande amarezza per il passo indietro dei giallorossi a 72 ore dal raduno. Si valutano quali clausole dell'accordo salvare, ma le penali si aggirano intorno ai 400 mila euro, cioè il costo del ritiro, che sarebbe stato quattro volte tanto rispetto a due anni fa 

26 giugno - 17:12

A Rovereto sono stati raggiunti quasi i 38 gradi ma per colpa dell'umidità la temperatura percepita è più alta. Fridays For Future Trento propone un appello di 5 punti su cui basare le conseguenti azioni: formazione, stop alle grandi opere, stop alla cementificazione incontrollata, tutela dei beni comuni e riduzione dell'uso dei pesticidi.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato