Contenuto sponsorizzato

Vuole uccidere la moglie con una forbice ma viene fermato in tempo grazie alla chiamata al 112. In manette un 40enne

E' avvenuto a Riva del Garda. L'ex consorte, già colpito da un ordine di allontanamento dalla casa familiare, ha deciso di presentarsi dalla moglie e dal figlio con l'intento di aggredirli nuovamente. La mancata apertura della porta da parte della donna ha scatenato la reazione violenta dell'uomo, fermato dal tempestivo arrivo dei carabinieri. Dovrà rispondere alle accuse di maltrattamenti, tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale

Pubblicato il - 13 novembre 2019 - 13:37

RIVA DEL GARDA. La chiamata ai carabinieri e il tempestivo arrivo hanno salvato una donna 29enne con il figlio dalla possibilità di aggressione violenta dell'ex consorte, avvicinatosi all'abitazione nonostante l'allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento. La tragedia è stata così scongiurata mentre l'uomo, un 40enne del posto, resta in attesa della convalida d'arresto nel carcere di Spini di Gardolo.

 

Le accuse sono di tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di domenica 10 novembre, quando alla porta dell'abitazione della giovane s'è sentito suonare il campanello. Alla porta c'era l'uomo che, tentato l'ingresso, non si è visto però aprire, dando vita ad una reazione violenta.

 

Ai colpi sull'uscio la donna ha così deciso di chiamare le forze dell'ordine, intervenute tempestivamente per fermare l'uomo. Raggiunta l'abitazione, i militari hanno avuto non pochi grattacapi nel fermare il soggetto, intento ancora nel picchiare la porta con calci e pugni e che aveva già piegato la maniglia dell'ingresso.

 

Una volta immobilizzato, l'attenzione dei carabinieri si è rivolta ad una forbice nascosta sotto un vaso del pianerottolo. Grazie alle testimonianze della donna e dei vicini di casa, è stato possibile ricostruire un passato di maltrattamenti e aggressioni, testimoniato anche, come detto precedentemente, dai provvedimenti di allontanamento. Considerate le circostanze, l'uomo è stato quindi accusato di tentato omicidio in flagranza di reato.

 

Per l'occasione i militari esortano tutte le vittime di violenza e soprusi a denunciare immediatamente alle forze dell'ordine, senza titubanze, ogni atto persecutorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 12:03

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.104 tamponi e registrati 292 nuovi casi positivi, 11 decessi. Sono 280 persone ricoverate, 40 i pazienti in terapia intensiva

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato