Contenuto sponsorizzato

Addio a Aldo De Chiusole: ''Fu tra i più forti calciatori roveretani, se ne è andato in silenzio, da vero signore''

E' grande il cordoglio in Trentino per una persona sempre disponibile e generosa, i modi gentili. Farinati: "Visse dei valori autentici dello sport come pochi, fu uno tra i più forti calciatori roveretani e lagarini di sempre, arrivò a giocare nel Rovereto nel campionato interregionale, ma un brutto infortunio fermò una quasi sicura brillante carriera"

Pubblicato il - 31 maggio 2020 - 18:37

TRENTO. In questi giorni è mancato Aldo De Chiusole, lasciando nel più profondo dolore la moglie Rosalba, la figlia Sara e il nipote Lorenzo. "Se ne è andato in silenzio, da vero signore, vestito di quella modestia disarmante e di quella generosità infinita che lo hanno contraddistinto sempre nella vita", dice Paolo Farinati.

 

E' grande il cordoglio in Trentino per una persona sempre disponibile e generosa, i modi gentili.

 

Pubblichiamo in forma integrale il ricordo di Paolo Farinati

 

Visse dei valori autentici dello sport come pochi, fu uno tra i più forti calciatori roveretani e lagarini di sempre, arrivò a giocare nel Rovereto nel campionato interregionale, ma un brutto infortunio fermò una quasi sicura brillante carriera.

 

Nel contempo, sposò Rosalba, stella della pallamano femminile della squadra locale e italiana, come parimenti arrivò a tali ambiti traguardi la figlia Sara. Aldo era un attaccante molto temuto, dalla impressionante progressione nella corsa e dal tiro fulminante. Rubargli il pallone era pressoché impossibile. A tal proposito, ricordo un derby Calliano - Volano degli anni '80 del massimo campionato dilettanti regionale, giocato sul campo di via Baratieri.

 

Pioveva e la partita stava volgendo al termine sullo zero a zero. Ma Aldo s'inventò un prezioso gesto balistico. Lui attaccante del Calliano, dal vertice destro dell'area avversaria dal suo piede sinistro lasciò partire un tiro che si insaccò all'incrocio sinistro dell'esterefatto e incolpevole portiere del Volano. Sergio Normani, che allora si divideva in porta tra calcio e pallamano, fece di corsa euforico e con le mani al cielo tutto il campo per abbracciare Aldo.

 

Una prodezza alla Ibrahimovic, che lasciò a bocca aperta tutti: compagni, avversari e i moltissimi tifosi presenti. In seguito, da atleta e da dirigente della pallamano, ho condiviso con Aldo molte ore al Palazzetto dello Sport, in quel PalaMarchetti di cui è stato per molto tempo apprezzatissimo custode.

 

Sempre disponibile e generoso, come altrettanto giustamente severo nel richiedere a tutti i fruitori di quello spazio meraviglioso, ordine, rispetto e disciplina.

 

Fino a febbraio scorso lo incontravo spesso in città, sempre gentile e pronto alla battuta, nonostante le terapie che stava sostenendo non fossero proprio caramelle. "Forse Paolo ghe l'ho fata", mi diceva ogni volta, facendo sorridere oltre gli occhi anche i suoi baffi asburgici.

 

Parlavamo pure di Casa Rosmini, a cui si dedicava da anni con passione e amore disinteressati, e di alcuni progetti finalizzati a valorizzare ancora di più il nobile Palazzo del filosofo roveretano.

 

Aldo, in un silenzio autenticamente signorile e raro, ha amato la sua famiglia, come parimenti la nostra Rovereto come pochi. Non mi resta che dare un affettuoso commosso abbraccio alle tue Rosalba e Sara e al tuo adorato Lorenzo. Onore a te, caro Aldo, esempio raro di cittadino amante della vita e di quanto questa ti ha donato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 06:01

Dei Comuni con oltre 10mila abitanti solo Riva del Garda e Arco rientrano nella graduatoria di Failoni (ma con coefficienti molto bassi). Fra i territori “ad elevata intensità turistica” anche cinque Comuni con meno di 300 residenti. Pattini: “Tione con una manciata di camere d’albergo è diventata città turistica mentre Trento con oltre 1,2 milioni di presenze no, questi sono i miracoli di Fugatti”

03 luglio - 18:34

Nuova ordinanza del presidente del Trentino che allenta ulteriormente le restrizioni anche per lo sport e l'accesso al cibo in mense e strutture turistiche. Ecco quali sono le regole da rispettare

03 luglio - 18:51

Oltre ai 5 nuovi positivi che fanno parte degli 8 legati alla festa della comunità kosovara del 21 giugno c'è un altro positivo nell'aggiornamento quotidiano dei dati dell'Apss

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato